Riconoscimenti

In questa pagina sono riportati i primi ed i riconoscimenti ottenuti sia dall'Accademia Teatrale ‘Francesco Campogalliani’ di Mantova, che dagli attori, registi e tecnici che vi partecipano.
 
 

12 apr

FRANCESCA CAMPOGALLIANI

  • PER UNA DONNA
  • Palazzo d’Arco
    Mantova
  • mercoledì 12 aprile 2017
 

Premio “PER UNA DONNA” a Francesca Campogalliani


Gazzetta di Mantova
giovedì 13 aprile 2017
Logo Gazzetta di Mantova

 

Premio a Francesca Campogalliani

 




Partecipata cerimonia, ieri a palazzo d’Arco, per “Per una Donna”, premio voluto dall’Ammi, associazione mogli dei medici, presieduta da Silvana Faben Scalori, e dedicato a donne speciali. Premiata Francesca Campogalliani, nome di spicco del teatro mantovano.

11 feb

Accademia Teatrale “Francesco Campogaliani”

  • Miglior Compagnia
  • 29º FESTIVAL NAZIONALE DEL TEATRO AMATORIALE “MASCHERA D’ORO”
  • Teatro San Marco
    Vicenza
  • sabato 11 febbraio 2017
 

Il trigamo o la spartizione

Motivazione: “Un perfetto dosaggio di recitazione, regia, ambientazione e luci, ma anche pause e accelerazioni, smarrimenti improvvisi e riprese, ha contribuito a restituire in maniera assai persuasiva un noto testo di Piero Chiara, che nell’apparente semplicità espressiva e nella artificiosità piccolo borghese dissimula le difficoltà. Esemplare il disporsi degli interpreti nella grigia luce del salotto, così come la capacità di suggerire piuttosto che dire, fra allusioni e sospensioni. La vicenda, allora,, prende i colori di una verità umana e sociale, con i suoi squallori morali e le miserie quotidiane”.

Primio alla Miglior Compagnia

Primio alla Miglior Compagnia

I premi vinti dall’Accademia Teatrale “Francesco Campogalliani”

Uno dei momenti della premiazione dell’Accademia Teatrale “Francesco Campogalliani”

MINCIO & DINTORNI
mercoledì 29 marzo 2017
Logo Mincio & Dintorni

 

VICENZA – LA CAMPOGALLIANI PREMIATA AL FESTIVAL NAZIONALE MASCHERA D’ORO

 


29 marzo 2017



Con lo spettacolo “Il Trigamo” di Piero Chiara l’Accademia Teatrale Campogalliani trionfa al Festival Nazionale Maschera d’Oro di Vicenza aggiudicandosi il premio come miglior compagnia e il premio alle migliori attrici caratteriste assegnato a Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli, oltre alle nomination per migliore regia a Maria Grazia Bettini, per migliore attore ad Adolfo Vaini, per miglior attore caratterista a Diego Fusari e al migliore allestimento per scene, costumi, luci e sonoro.


La Campogalliani si aggiudica per la quarta volta il massimo riconoscimento in uno dei più prestigiosi festival del teatro amatoriale italiano che ha selezionato tra più di cento spettacoli iscritti solo otto compagnie finaliste.

Il premio Maschera d’oro dà il diritto alla storica compagnia mantovana di recitare al Teatro Olimpico di Andrea Palladio, il più antico teatro coperto del modo, con lo spettacolo “Le Intellettuali” di Moliére che verrà rappresentato sabato 27 maggio.



La giuria ha espresso il verdetto con la seguente motivazione: “un perfetto dosaggio di recitazione, regia, ambientazione e luci, ma anche pause e accelerazioni, smarrimenti improvvisi e riprese, ha contribuito a restituire in maniera assai persuasiva un noto testo di Piero Chiara, che nell’apparente semplicità espressiva e nella artificiosità piccolo borghese dissimula le difficoltà. Esemplare il disporsi degli interpreti nella grigia luce del salotto, così come la capacità di suggerire piuttosto che dire, fra allusioni e sospensioni. La vicenda, allora,, prende i colori di una verità umana e sociale, con i suoi squallori morali e le miserie quotidiane”.



Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli, che hanno interpretato le sorelle Tettamanzi hanno ottenuto il premio ex aequo come migliori attrici caratteriste dalla giuria che si è così espressa: “talmente abili ed accorte da creare un unico personaggio femminile a tre dimensioni, hanno offerto una grande prova, grazie anche a una malizia che sottilmente passava dal palcoscenico al pubblico, in un incedere tutto giocato sulle pause e le allusioni, sul passarsi la parola e calcolare i tempi. Una femminilità autentica e vincente, che si nutre, più che delle sue contraddizioni, della consapevolezza di essere e volere”.

La riduzione teatrale, elaborata dallo stesso Piero Chiara adattando per il palcoscenico il suo romanzo, divenne subito un grande successo nel 1970 per la regia di Aldo Trionfo e l’interpretazione di grandi attori quali Gianni Agus, Valeria Moriconi, Adriana Innocenti, Giovanna Pellizzi e le scenografie di Emanuele Luzzati. Nello stesso anno il successo venne ripetuto quando il regista Alberto Lattuada adattò il racconto per il grande schermo, cambiando il titolo, che divenne “Venga a prendere il caffè da noi”, con Ugo Tognazzi.



La vicenda è incentrata sulla figura di Emerenziano Paronzini, invalido della II Guerra Mondiale, impiegato al Ministero delle Finanze trasferito in qualità di vice-capufficio, a Luino, sul Lago Maggiore. Preciso e metodico, sia nella vita privata che sul lavoro, Paronzini adocchia le sorelle Tettamanzi, tre “mature ragazze”, che hanno una bella casa sul lago e una considerevole fortuna, ereditata dal padre, “patrocinatore legale” con la passione per la scienza e la biologia, morto da poco. L’Autore così le descrive: “brutte ciascuna a suo modo di una bruttezza singolare, e consapevoli della ripugnanza che ispiravano agli uomini, avevano tacitamente soppresso l’amore, come se l’avessero seppellito in giardino per nascondere una vergogna. In verità, neppure quando andavano a scuola, nessun uomo aveva pensato di farle accorte del loro sesso.

Il Paronzini decide di sposare Fortunata, la più anziana, ma, tornato dal viaggiodi nozze, visto che la moglie risulterà, a un controllo medico, “vaginalmente infiammata”, inizia a sollazzarsi anche con le altre due sorelle (Tarsilla e Camilla), intensificando i rapporti, dedicandosi ogni notte a una sorella diversa, sotto gli occhi orripilati della vecchia serva Teresa che non dorme più e si spella le mani a furia di rosari. Il paese naturalmente intuisce, ma non riesce a sapere con certezza. Paronzini diventa così l’amante di tutte e tre le sorelle, che si dividono le sue attenzioni senza gelosie, fino all’inevitabile schianto coronarico dell’attempato amatore.


La regia porta la firma di Maria Grazia Bettini che, lo scorso anno, in occasione del settantennale dell’Accademia Campogalliani, decise di rimettere in scena lo spettacolo, che debuttò nel 1985, con la sostituzione di alcuni attori e con una nuova scenografia, ma con il medesimo impianto interpretativo e registico, per riproporre agli spettatori una storia di ipocrisie perbeniste, raccontata con ironia e semplicità da un grande scrittore come Piero Chiara.

Gli interpreti sono: Adolfo Vaini (Emerenziano Paronzini), Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli (le tre sorelle Tettamanzi), Diego Fusari (Paolino Mentasti), Roberta Bonfiglio (la domestica Teresa), Giancarlo Braglia (il dottor Raggi), Michele Romualdi (il Prevosto), Sergio Negri (don Casimiro) e Daniele Pizzoli (il segertario politico). Le scenografie sono state ideate da Daniele Pizzoli, i costumi da Francesca Campogalliani e Diego Fusari, i disegni per le decorazioni scenografiche da Nani Tedeschi, le musiche sono state selezionate da Daniele Pizzoli e le luci curate da Giorgio Codognola, mentre per la direzione scenica hanno collaborato Marina Alberini, Lorenza Becchi, Martina Ginelli e Annalaura Melotti.

Gazzetta di Mantova
lunedì 27 marzo 2017
Logo Gazzetta di Mantova

 


MANTOVA

“Teatro, la Campogalliani trionfa a Vicenza

 

Con “Il Trigamo” di Piero Chiara al festival Maschera d’Oro primi premi per la miglior compagnia e le migliori attrici caratteriste


I rappresentanti della Campogalliani alla premiazione



MANTOVA. Con lo spettacolo Il Trigamo di Piero Chiara l’Accademia teatrale Campogalliani ha trionfato al festival nazionale Maschera d’Oro di Vicenza aggiudicandosi il premio come miglior compagnia e il premio alle migliori attrici caratteriste assegnato a Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli, oltre alle nomination per migliore regia a Maria Grazia Bettini, per migliore attore ad Adolfo Vaini, per miglior attore caratterista a Diego Fusari e al migliore allestimento per scene, costumi, luci e sonoro.

La Campogalliani si aggiudica per la quarta volta il massimo riconoscimento in uno dei più prestigiosi festival del teatro amatoriale italiano che ha selezionato tra più di 100 spettacoli iscritti solo 8 compagnie finaliste. Il premio Maschera d’oro dà il diritto alla storica compagnia mantovana di recitare al Teatro Olimpico di Andrea Palladio<<, il più antico teatro coperto del mondo, con lo spettacolo Le Intellettuali di Moliére che verrà rappresentato sabato 27 maggio.


Una foto di scena con Loredana Sartorello, Gabriella Pezzoli, Francesca Campogalliani e Adolfo Vaini



La giuria ha espresso il verdetto con la seguente motivazione: “Un perfetto dosaggio di recitazione, regia, ambientazione e luci, ma anche pause e accelerazioni, smarrimenti improvvisi e riprese, ha contribuito a restituire in maniera assai persuasiva un noto testo di Piero Chiara, che nell’apparente semplicità espressiva e nella artificiosità piccolo borghese dissimula le difficoltà. Esemplare il disporsi degli interpreti nella grigia luce del salotto, così come la capacità di suggerire piuttosto che dire, fra allusioni e sospensioni. La vicenda, allora, prende i colori di una verità umana e sociale, con i suoi squallori morali e le miserie quotidiane”.

Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli, che hanno interpretato le sorelle Tettamanzi hanno ottenuto il premio ex aequo come migliori attrici caratteriste dalla giuria che si è così espressa: “talmente abili ed accorte da creare un unico personaggio femminile a tre dimensioni, hanno offerto una grande prova, grazie anche a una malizia che sottilmente passava dal palcoscenico al pubblico, in un incedere tutto giocato sulle pause e le allusioni, sul passarsi la parola e calcolare i tempi. Una femminilità autentica e vincente, che si nutre, più che delle sue contraddizioni, della consapevolezza di essere e volere”.

La riduzione teatrale, elaborata dallo stesso Piero Chiara adattando per il palcoscenico il suo romanzo, divenne subito un grande successo nel 1970 per la regia di Aldo Trionfo. Nello stesso anno il successo venne ripetuto quando il regista Alberto Lattuada adattò il racconto per il grande schermo, con Venga a prendere il caffè da noi e Ugo Tognazzi grande protagonista.

La vicenda è incentrata sulla figura di Emerenziano Paronzini, impiegato al ministero delle Finanze, trasferito in qualità di vice-capufficio, a Luino, sul Lago Maggiore, che adocchia le sorelle Tettamanzi, tre “mature ragazze”, che hanno una bella casa sul lago e una considerevole fortuna.

La regia porta la firma di Maria Grazia Bettini che, lo scorso anno, nel settantennale dell’Accademia Campogalliani, decise di rimettere in scena lo spettacolo, che debuttò nel 1985, con la sostituzione di alcuni attori e con una nuova scenografia.

F.I.T.A. VENETO
domenica 26 marzo 2017
F.I.T.A. Veneto
 


Festival Maschera d’Oro: vince la Campogalliani di Mantova





È l’Accademia "Francesco Campogalliani" di Mantova la vincitrice del 29o Festival nazionale "Maschera d’Oro", kermesse del teatro amatoriale italiano organizzata da Fita Veneto, in collaborazione con Regione, Comune di Vicenza, Il Giornale di Vicenza e Confartigianato provinciale e con il patrocinio di Provincia e Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo. Con lo spettacolo "Il trigamo" di Piero Chiara, per la regia di Maria Grazia Bettini, la formazione lombarda ha avuto la meglio, al rush finale, sulla salernitana Avalon Teatro, con "Le voci di dentro" di Eduardo De Filippo, regia di Gerry Petrosino, e sui trevigiani Amici del Teatro Roncade, con "Otto donne" di Robert Thomas, per la regia di Alberto Moscatelli.

Grande soddisfazione, naturalmente, in casa Campogalliani, alla quarta vittoria al Festival, dopo i successi ottenuti nel 2002, 2003 e 2013. Per lei, ora, si aprono anche le porte dell’Olimpico, gioiello palladiano e teatro coperto più antico al mondo, sul cui palcoscenico potrà esibirsi, sabato 27 maggio, grazie al Premio "Faber Teatro", messo in palio da Confartigianato Vicenza.

Questi gli altri riconoscimenti assegnati: migliore regia, Alberto Moscatelli (Amici del Teatro Roncade); attore, Gigi Mardegan (Il Satiro - Treviso); attrice, Sara Tomasucci (La Piccola Ribalta - Pesaro); attore caratterista, Salvatore Illegittimo (Avalon); attrici caratteriste, Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli (Campogalliani); giovane, Chiara Becchimanzi (Luna Nova - Latina); allestimento, Amici del Teatro Roncade; gradimento del pubblico, Il Satiro di Treviso per "La locomotiva" di Roberto Cuppone.

Nel concorso di critica "La Scuola e il Teatro", riservato agli studenti delle scuole superiori, "en plein" del Liceo scientifico "Quadri" di Vicenza: vittoria di Chiara Caucchiolo della IV ESC, seguita da Leonardo Rossi della V CSA e da Annalisa Righele della II FSA. Infine, Premio "Renato Salvato" all’impegno per il teatro ad Annalisa Carrara, direttrice artistica del Civico di Schio.

Dopo le premiazioni, La Bottega dei RebArdò di Roma si è esibita nello spettacolo "Ben Hur" di Gianni Clementi, per la regia di Enzo Ardone, sul palco con Monica Biagini e Sandro Calabrese. Lunghi applausi del pubblico per un lavoro che sa disegnare, con ironia e acutezza, le contraddizioni della nostra società.

Condotta con simpatia dalla giornalista Elisa Santucci, la serata è stata aperta dalla lettura di alcuni passaggi del messaggio dell’attrice Isabelle Huppert, testimonial della 55ª Giornata Mondiale del Teatro, fissata per il 27 marzo, cui anche Fita Veneto ha aderito. Numerose le autorità presenti alle premiazioni, tra cui il consigliere Gianpaolo Giacon, in rappresentanza del Comune di Vicenza, il consigliere delegato alla Cultura della Provincia di Vicenza Francesco Enrico Gonzo, il presidente dell’Istituto culturale "Rezzara" di Vicenza Luciano Righi, il presidente della Cofas - Filodrammatiche trentine Gino Tarter, il consulente artistico di Fita Veneto Luigi Lunari, il presidente del Cesar - Centro sviluppo artigianato di Vicenza Martino Pesavento e il presidente di Confartigianato Vicenza Agostino Bonomo. Soddisfazione per gli ottimi risultati di questa edizione della Maschera d’Oro sono stati espressi anche da Mauro Dalla Villa, presidente Fita Veneto, e dal presidente del Festival, nonché vicepresidente della Fita nazionale, Aldo Zordan, che ha lanciato l’edizione numero 30 della kermesse, in programma nel 2018: «Siamo già al lavoro - ha dichiarato - per preparare un’edizione assolutamente da ricordare. Qualche anticipazione? Di sicuro uno spazio speciale avranno il pubblico e i giovani».

Il Giornale di Vicenza
sabato 11 febbraio 2017
Il Giornale di Vicenza
 
11 febbraio 2017

MASCHERA D’ORO. Stasera al San Marco al concorso degli amatoriali la Campogalliani di Mantova propone “Il trigamo”

Pubbliche virtù e vizi privati
nella piccola società di provincia

Una scena de “Il trigamo” con l’Accademia Campogalliani di Mantova Una scena de “Il trigamo” con l’Accademia Campogalliani di Mantova

Intrigante e spassosa commedia che lo scrittore Piero Chiara trasse da un suo racconto. Tre sorelle e l’ingombrante memoria del padre


VICENZA

Dopo il sold-out traboccante di applausi della scorsa settimana, tutto pronto per la seconda serata del 29º Festival nazionale “Maschera d’Oro”, che oggi alle 21 vedrà approdare al Teatro San Marco uno dei supercampioni della manifestazione promossa da F.i.t.a. Veneto / Federazione italiana teatro amatori, in collaborazione con Regione Veneto, Comune, Il Giornale di Vicenza e Conartigianato provinciale.
Asalire sul palcoscenico sarà l’Accademia Teatrale “Francesco Campogalliani” di Mantova, storica formazione lombarda che nel 2016 ha festeggiato i propri 70 anni di attività e che al festival ha già vinto tre volte (l’ultima nel 2013 con “Pigmalione” di George Bernard Shaw), attesa alla kermesse con una celebre, intrigante e spassosissima commedia di Piero Chiara: “Il trigmo”, piece che lo scrittore di Luino trasse dal proprio romanzo “Laspartizione”, reso celebre nche dal film di Alberto Lattuada “Venga a prendere un caffè da noi”, con Ugo Tognazzi
Diretta da Maria Grazia Bettini, la commedia riprende l”andamento narrativo del romanzo di Chiara, seguendo passo passo, nell’atmosfera ovattata di una cittadina di provincia, le grandi manovre messe in atto da Emerenziano Paronzini, invalido di guerra e impiegato del Ministero della Finanze, per trovare la migliore delle sistemazioni nella ricca dimora di tre sorelle nubili: Fortunata, Tarsilla e Camilla Tettamanzi.
Bruttine e stagionate, pur ciascuna con una propria “bellezza”, le tre donne vivono nell’ingombrante memoria del padre procuratore, dedito a inquietanti esperimenti botanici.
Specchio perfetto della piccola società di provincia, le tre trascorrono i giorni (e le interminabili notti) strette tra pubbliche virtù e vizi privati, effettivamente compiuti o solo sognati, finché nella loro vita non si insinua all’improvviso, l’impomatato e affettato seduttore Paronzini, gallo in pollaio del quale arriva ben presto ad avere il controllo assoluto.
Sposatosi con una delle tre, l’uomo creerà un pruriginoso “mènage a quatre”, sotto lo sguardo scandalizzato della vecchia domestica Teresa.
Ma ecco capitare qualcosa di assolutamente imprevisto... Sul palcoscenico la “Campogalliani” schiera Adolfo Vaini, Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello, Gabriella Pezzoli, Diego Fusari, Roberto Bonfiglio, Michele Romualdi, Sergio Negri, Giancarlo Braglia, Daniele Pizzoli.
Costumi di Francesca Campogallini e Diego Fusari, scene di Daniele Pizzoli realizzate da Enzo Busoli, disegni originali di Nani Tedeschi, luci di Giorgio Codognola.
L’Accademia mantovana deve il proprio nome a Francesco Campogalliani,celebre burattinaio discendente da una famiglia di artisti. A fondare la compagnia nel 1946 fu suo nipote Ettore,famoso musicista e insegnante di canto lirico.
Dal 1953 la compagnia ha sede nel Teatrino di Palazzo d’Arco nel cuore di Mantova, divenuto vivace centro di cultura, spettacolo e formazione. In oltre settant’anni di attività, la compagnia ha toccato i più diversi generi teatrali, ma con una spiccata predilezione per i classici.
Informazioni su www.fita-veneto.org; botteghino del San Marco aperto dalle 19 di stasera (tel. 0444 921560). Il festival è patrocinato dal Provincia e Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.

11 feb

Francesca Campogalliani
Gabriella Pezzoli
Loredana Sartorello

  • Migliori attrici caratteriste
  • 29º FESTIVAL NAZIONALE DEL TEATRO AMATORIALE “MASCHERA D’ORO”
  • Teatro San Marco
    Vicenza
  • sabato 11 febbraio 2017
 

Il trigamo o la spartizione

Motivazione: “Talmente abili ed accorte da creare un unico personaggio femminile a tre dimensioni, hanno offerto una grande prova, grazie anche a una malizia che sottilmente passava dal palcoscenico al pubblico, in un incedere tutto giocato sulle pause e le allusioni, sul passarsi la parola e calcolare i tempi. Una femminilità autentica e vincente, che si nutre, più che delle sue contraddizioni, della consapevolezza di essere e volere”.


La premiazione delle attrici dalla Compagnia Teatrale “Francesco Campogalliani”

La premiazione delle attrici dalla Compagnia Teatrale “Francesco Campogalliani”

I primi ottenuti dalla Compagnia Teatrale “Francesco Campogalliani”

I primi ottenuti dalla Compagnia Teatrale “Francesco Campogalliani””

MINCIO & DINTORNI
mercoledì 29 marzo 2017
Logo Mincio & Dintorni

 

VICENZA – LA CAMPOGALLIANI PREMIATA AL FESTIVAL NAZIONALE MASCHERA D’ORO

 


29 marzo 2017



Con lo spettacolo “Il Trigamo” di Piero Chiara l’Accademia Teatrale Campogalliani trionfa al Festival Nazionale Maschera d’Oro di Vicenza aggiudicandosi il premio come miglior compagnia e il premio alle migliori attrici caratteriste assegnato a Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli, oltre alle nomination per migliore regia a Maria Grazia Bettini, per migliore attore ad Adolfo Vaini, per miglior attore caratterista a Diego Fusari e al migliore allestimento per scene, costumi, luci e sonoro.


La Campogalliani si aggiudica per la quarta volta il massimo riconoscimento in uno dei più prestigiosi festival del teatro amatoriale italiano che ha selezionato tra più di cento spettacoli iscritti solo otto compagnie finaliste.

Il premio Maschera d’oro dà il diritto alla storica compagnia mantovana di recitare al Teatro Olimpico di Andrea Palladio, il più antico teatro coperto del modo, con lo spettacolo “Le Intellettuali” di Moliére che verrà rappresentato sabato 27 maggio.



La giuria ha espresso il verdetto con la seguente motivazione: “un perfetto dosaggio di recitazione, regia, ambientazione e luci, ma anche pause e accelerazioni, smarrimenti improvvisi e riprese, ha contribuito a restituire in maniera assai persuasiva un noto testo di Piero Chiara, che nell’apparente semplicità espressiva e nella artificiosità piccolo borghese dissimula le difficoltà. Esemplare il disporsi degli interpreti nella grigia luce del salotto, così come la capacità di suggerire piuttosto che dire, fra allusioni e sospensioni. La vicenda, allora,, prende i colori di una verità umana e sociale, con i suoi squallori morali e le miserie quotidiane”.



Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli, che hanno interpretato le sorelle Tettamanzi hanno ottenuto il premio ex aequo come migliori attrici caratteriste dalla giuria che si è così espressa: “talmente abili ed accorte da creare un unico personaggio femminile a tre dimensioni, hanno offerto una grande prova, grazie anche a una malizia che sottilmente passava dal palcoscenico al pubblico, in un incedere tutto giocato sulle pause e le allusioni, sul passarsi la parola e calcolare i tempi. Una femminilità autentica e vincente, che si nutre, più che delle sue contraddizioni, della consapevolezza di essere e volere”.

La riduzione teatrale, elaborata dallo stesso Piero Chiara adattando per il palcoscenico il suo romanzo, divenne subito un grande successo nel 1970 per la regia di Aldo Trionfo e l’interpretazione di grandi attori quali Gianni Agus, Valeria Moriconi, Adriana Innocenti, Giovanna Pellizzi e le scenografie di Emanuele Luzzati. Nello stesso anno il successo venne ripetuto quando il regista Alberto Lattuada adattò il racconto per il grande schermo, cambiando il titolo, che divenne “Venga a prendere il caffè da noi”, con Ugo Tognazzi.



La vicenda è incentrata sulla figura di Emerenziano Paronzini, invalido della II Guerra Mondiale, impiegato al Ministero delle Finanze trasferito in qualità di vice-capufficio, a Luino, sul Lago Maggiore. Preciso e metodico, sia nella vita privata che sul lavoro, Paronzini adocchia le sorelle Tettamanzi, tre “mature ragazze”, che hanno una bella casa sul lago e una considerevole fortuna, ereditata dal padre, “patrocinatore legale” con la passione per la scienza e la biologia, morto da poco. L’Autore così le descrive: “brutte ciascuna a suo modo di una bruttezza singolare, e consapevoli della ripugnanza che ispiravano agli uomini, avevano tacitamente soppresso l’amore, come se l’avessero seppellito in giardino per nascondere una vergogna. In verità, neppure quando andavano a scuola, nessun uomo aveva pensato di farle accorte del loro sesso.

Il Paronzini decide di sposare Fortunata, la più anziana, ma, tornato dal viaggiodi nozze, visto che la moglie risulterà, a un controllo medico, “vaginalmente infiammata”, inizia a sollazzarsi anche con le altre due sorelle (Tarsilla e Camilla), intensificando i rapporti, dedicandosi ogni notte a una sorella diversa, sotto gli occhi orripilati della vecchia serva Teresa che non dorme più e si spella le mani a furia di rosari. Il paese naturalmente intuisce, ma non riesce a sapere con certezza. Paronzini diventa così l’amante di tutte e tre le sorelle, che si dividono le sue attenzioni senza gelosie, fino all’inevitabile schianto coronarico dell’attempato amatore.


La regia porta la firma di Maria Grazia Bettini che, lo scorso anno, in occasione del settantennale dell’Accademia Campogalliani, decise di rimettere in scena lo spettacolo, che debuttò nel 1985, con la sostituzione di alcuni attori e con una nuova scenografia, ma con il medesimo impianto interpretativo e registico, per riproporre agli spettatori una storia di ipocrisie perbeniste, raccontata con ironia e semplicità da un grande scrittore come Piero Chiara.

Gli interpreti sono: Adolfo Vaini (Emerenziano Paronzini), Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli (le tre sorelle Tettamanzi), Diego Fusari (Paolino Mentasti), Roberta Bonfiglio (la domestica Teresa), Giancarlo Braglia (il dottor Raggi), Michele Romualdi (il Prevosto), Sergio Negri (don Casimiro) e Daniele Pizzoli (il segertario politico). Le scenografie sono state ideate da Daniele Pizzoli, i costumi da Francesca Campogalliani e Diego Fusari, i disegni per le decorazioni scenografiche da Nani Tedeschi, le musiche sono state selezionate da Daniele Pizzoli e le luci curate da Giorgio Codognola, mentre per la direzione scenica hanno collaborato Marina Alberini, Lorenza Becchi, Martina Ginelli e Annalaura Melotti.

Gazzetta di Mantova
lunedì 27 marzo 2017
Logo Gazzetta di Mantova

 


MANTOVA

“Teatro, la Campogalliani trionfa a Vicenza

 

Con “Il Trigamo” di Piero Chiara al festival Maschera d’Oro primi premi per la miglior compagnia e le migliori attrici caratteriste


I rappresentanti della Campogalliani alla premiazione



MANTOVA. Con lo spettacolo Il Trigamo di Piero Chiara l’Accademia teatrale Campogalliani ha trionfato al festival nazionale Maschera d’Oro di Vicenza aggiudicandosi il premio come miglior compagnia e il premio alle migliori attrici caratteriste assegnato a Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli, oltre alle nomination per migliore regia a Maria Grazia Bettini, per migliore attore ad Adolfo Vaini, per miglior attore caratterista a Diego Fusari e al migliore allestimento per scene, costumi, luci e sonoro.

La Campogalliani si aggiudica per la quarta volta il massimo riconoscimento in uno dei più prestigiosi festival del teatro amatoriale italiano che ha selezionato tra più di 100 spettacoli iscritti solo 8 compagnie finaliste. Il premio Maschera d’oro dà il diritto alla storica compagnia mantovana di recitare al Teatro Olimpico di Andrea Palladio<<, il più antico teatro coperto del mondo, con lo spettacolo Le Intellettuali di Moliére che verrà rappresentato sabato 27 maggio.


Una foto di scena con Loredana Sartorello, Gabriella Pezzoli, Francesca Campogalliani e Adolfo Vaini



La giuria ha espresso il verdetto con la seguente motivazione: “Un perfetto dosaggio di recitazione, regia, ambientazione e luci, ma anche pause e accelerazioni, smarrimenti improvvisi e riprese, ha contribuito a restituire in maniera assai persuasiva un noto testo di Piero Chiara, che nell’apparente semplicità espressiva e nella artificiosità piccolo borghese dissimula le difficoltà. Esemplare il disporsi degli interpreti nella grigia luce del salotto, così come la capacità di suggerire piuttosto che dire, fra allusioni e sospensioni. La vicenda, allora, prende i colori di una verità umana e sociale, con i suoi squallori morali e le miserie quotidiane”.

Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli, che hanno interpretato le sorelle Tettamanzi hanno ottenuto il premio ex aequo come migliori attrici caratteriste dalla giuria che si è così espressa: “talmente abili ed accorte da creare un unico personaggio femminile a tre dimensioni, hanno offerto una grande prova, grazie anche a una malizia che sottilmente passava dal palcoscenico al pubblico, in un incedere tutto giocato sulle pause e le allusioni, sul passarsi la parola e calcolare i tempi. Una femminilità autentica e vincente, che si nutre, più che delle sue contraddizioni, della consapevolezza di essere e volere”.

La riduzione teatrale, elaborata dallo stesso Piero Chiara adattando per il palcoscenico il suo romanzo, divenne subito un grande successo nel 1970 per la regia di Aldo Trionfo. Nello stesso anno il successo venne ripetuto quando il regista Alberto Lattuada adattò il racconto per il grande schermo, con Venga a prendere il caffè da noi e Ugo Tognazzi grande protagonista.

La vicenda è incentrata sulla figura di Emerenziano Paronzini, impiegato al ministero delle Finanze, trasferito in qualità di vice-capufficio, a Luino, sul Lago Maggiore, che adocchia le sorelle Tettamanzi, tre “mature ragazze”, che hanno una bella casa sul lago e una considerevole fortuna.

La regia porta la firma di Maria Grazia Bettini che, lo scorso anno, nel settantennale dell’Accademia Campogalliani, decise di rimettere in scena lo spettacolo, che debuttò nel 1985, con la sostituzione di alcuni attori e con una nuova scenografia.

F.I.T.A. VENETO
domenica 26 marzo 2017
F.I.T.A. Veneto
 


Festival Maschera d’Oro: vince la Campogalliani di Mantova





È l’Accademia "Francesco Campogalliani" di Mantova la vincitrice del 29o Festival nazionale "Maschera d’Oro", kermesse del teatro amatoriale italiano organizzata da Fita Veneto, in collaborazione con Regione, Comune di Vicenza, Il Giornale di Vicenza e Confartigianato provinciale e con il patrocinio di Provincia e Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo. Con lo spettacolo "Il trigamo" di Piero Chiara, per la regia di Maria Grazia Bettini, la formazione lombarda ha avuto la meglio, al rush finale, sulla salernitana Avalon Teatro, con "Le voci di dentro" di Eduardo De Filippo, regia di Gerry Petrosino, e sui trevigiani Amici del Teatro Roncade, con "Otto donne" di Robert Thomas, per la regia di Alberto Moscatelli.

Grande soddisfazione, naturalmente, in casa Campogalliani, alla quarta vittoria al Festival, dopo i successi ottenuti nel 2002, 2003 e 2013. Per lei, ora, si aprono anche le porte dell’Olimpico, gioiello palladiano e teatro coperto più antico al mondo, sul cui palcoscenico potrà esibirsi, sabato 27 maggio, grazie al Premio "Faber Teatro", messo in palio da Confartigianato Vicenza.

Questi gli altri riconoscimenti assegnati: migliore regia, Alberto Moscatelli (Amici del Teatro Roncade); attore, Gigi Mardegan (Il Satiro - Treviso); attrice, Sara Tomasucci (La Piccola Ribalta - Pesaro); attore caratterista, Salvatore Illegittimo (Avalon); attrici caratteriste, Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli (Campogalliani); giovane, Chiara Becchimanzi (Luna Nova - Latina); allestimento, Amici del Teatro Roncade; gradimento del pubblico, Il Satiro di Treviso per "La locomotiva" di Roberto Cuppone.

Nel concorso di critica "La Scuola e il Teatro", riservato agli studenti delle scuole superiori, "en plein" del Liceo scientifico "Quadri" di Vicenza: vittoria di Chiara Caucchiolo della IV ESC, seguita da Leonardo Rossi della V CSA e da Annalisa Righele della II FSA. Infine, Premio "Renato Salvato" all’impegno per il teatro ad Annalisa Carrara, direttrice artistica del Civico di Schio.

Dopo le premiazioni, La Bottega dei RebArdò di Roma si è esibita nello spettacolo "Ben Hur" di Gianni Clementi, per la regia di Enzo Ardone, sul palco con Monica Biagini e Sandro Calabrese. Lunghi applausi del pubblico per un lavoro che sa disegnare, con ironia e acutezza, le contraddizioni della nostra società.

Condotta con simpatia dalla giornalista Elisa Santucci, la serata è stata aperta dalla lettura di alcuni passaggi del messaggio dell’attrice Isabelle Huppert, testimonial della 55ª Giornata Mondiale del Teatro, fissata per il 27 marzo, cui anche Fita Veneto ha aderito. Numerose le autorità presenti alle premiazioni, tra cui il consigliere Gianpaolo Giacon, in rappresentanza del Comune di Vicenza, il consigliere delegato alla Cultura della Provincia di Vicenza Francesco Enrico Gonzo, il presidente dell’Istituto culturale "Rezzara" di Vicenza Luciano Righi, il presidente della Cofas - Filodrammatiche trentine Gino Tarter, il consulente artistico di Fita Veneto Luigi Lunari, il presidente del Cesar - Centro sviluppo artigianato di Vicenza Martino Pesavento e il presidente di Confartigianato Vicenza Agostino Bonomo. Soddisfazione per gli ottimi risultati di questa edizione della Maschera d’Oro sono stati espressi anche da Mauro Dalla Villa, presidente Fita Veneto, e dal presidente del Festival, nonché vicepresidente della Fita nazionale, Aldo Zordan, che ha lanciato l’edizione numero 30 della kermesse, in programma nel 2018: «Siamo già al lavoro - ha dichiarato - per preparare un’edizione assolutamente da ricordare. Qualche anticipazione? Di sicuro uno spazio speciale avranno il pubblico e i giovani».

Il Giornale di Vicenza
sabato 11 febbraio 2017
Il Giornale di Vicenza
 
11 febbraio 2017

MASCHERA D’ORO. Stasera al San Marco al concorso degli amatoriali la Campogalliani di Mantova propone “Il trigamo”

Pubbliche virtù e vizi privati
nella piccola società di provincia

Una scena de “Il trigamo” con l’Accademia Campogalliani di Mantova Una scena de “Il trigamo” con l’Accademia Campogalliani di Mantova

Intrigante e spassosa commedia che lo scrittore Piero Chiara trasse da un suo racconto. Tre sorelle e l’ingombrante memoria del padre


VICENZA

Dopo il sold-out traboccante di applausi della scorsa settimana, tutto pronto per la seconda serata del 29º Festival nazionale “Maschera d’Oro”, che oggi alle 21 vedrà approdare al Teatro San Marco uno dei supercampioni della manifestazione promossa da F.i.t.a. Veneto / Federazione italiana teatro amatori, in collaborazione con Regione Veneto, Comune, Il Giornale di Vicenza e Conartigianato provinciale.
Asalire sul palcoscenico sarà l’Accademia Teatrale “Francesco Campogalliani” di Mantova, storica formazione lombarda che nel 2016 ha festeggiato i propri 70 anni di attività e che al festival ha già vinto tre volte (l’ultima nel 2013 con “Pigmalione” di George Bernard Shaw), attesa alla kermesse con una celebre, intrigante e spassosissima commedia di Piero Chiara: “Il trigmo”, piece che lo scrittore di Luino trasse dal proprio romanzo “Laspartizione”, reso celebre nche dal film di Alberto Lattuada “Venga a prendere un caffè da noi”, con Ugo Tognazzi
Diretta da Maria Grazia Bettini, la commedia riprende l”andamento narrativo del romanzo di Chiara, seguendo passo passo, nell’atmosfera ovattata di una cittadina di provincia, le grandi manovre messe in atto da Emerenziano Paronzini, invalido di guerra e impiegato del Ministero della Finanze, per trovare la migliore delle sistemazioni nella ricca dimora di tre sorelle nubili: Fortunata, Tarsilla e Camilla Tettamanzi.
Bruttine e stagionate, pur ciascuna con una propria “bellezza”, le tre donne vivono nell’ingombrante memoria del padre procuratore, dedito a inquietanti esperimenti botanici.
Specchio perfetto della piccola società di provincia, le tre trascorrono i giorni (e le interminabili notti) strette tra pubbliche virtù e vizi privati, effettivamente compiuti o solo sognati, finché nella loro vita non si insinua all’improvviso, l’impomatato e affettato seduttore Paronzini, gallo in pollaio del quale arriva ben presto ad avere il controllo assoluto.
Sposatosi con una delle tre, l’uomo creerà un pruriginoso “mènage a quatre”, sotto lo sguardo scandalizzato della vecchia domestica Teresa.
Ma ecco capitare qualcosa di assolutamente imprevisto... Sul palcoscenico la “Campogalliani” schiera Adolfo Vaini, Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello, Gabriella Pezzoli, Diego Fusari, Roberto Bonfiglio, Michele Romualdi, Sergio Negri, Giancarlo Braglia, Daniele Pizzoli.
Costumi di Francesca Campogallini e Diego Fusari, scene di Daniele Pizzoli realizzate da Enzo Busoli, disegni originali di Nani Tedeschi, luci di Giorgio Codognola.
L’Accademia mantovana deve il proprio nome a Francesco Campogalliani,celebre burattinaio discendente da una famiglia di artisti. A fondare la compagnia nel 1946 fu suo nipote Ettore,famoso musicista e insegnante di canto lirico.
Dal 1953 la compagnia ha sede nel Teatrino di Palazzo d’Arco nel cuore di Mantova, divenuto vivace centro di cultura, spettacolo e formazione. In oltre settant’anni di attività, la compagnia ha toccato i più diversi generi teatrali, ma con una spiccata predilezione per i classici.
Informazioni su www.fita-veneto.org; botteghino del San Marco aperto dalle 19 di stasera (tel. 0444 921560). Il festival è patrocinato dal Provincia e Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.

20 feb

Riccardo Fornoni

  • Premio speciale miglior attore giovane
  • 28º FESTIVAL NAZIONALE DEL TEATRO AMATORIALE “MASCHERA D’ORO”
  • TEATRO SAN MARCO
    Vicenza
  • sabato 20 febbraio 2016
 

La scuola delle mogli

Per l’interpretazione di ORAZIO, innamorato di Agnese, in “LA SCUOLA DELLE MOGLI” di Molière
MOTIVAZIONE:
In una commedia dai ritmi veloci, con cambi narrativi ed introspettivi spesso imprevedibili come “La scuola delle mogli” di Molière, Riccardo Fornoni ha vestito la parte di Orazio con sapiente abilità. La sua recitazione e la sua gestualità hanno beneficiato di una spontaneità ricca di colori, ma anche della più opportuna compostezza, calibrate al punto da rendere il personaggio interpretato parte sempre attiva e ben armonizzata nell’intrigante testo di Molière. Per la Campogalliani che lo ha tra i suoi componenti, ma anche per il teatro in generale, giovani così offrono magnifiche prospettive.

La Gazzetta di Mantova
martedì 22 marzo 2016
La Gazzetta di Mantova



MASCHERA D’ORO

Il premio all’aspirante architetto che però vuole fare l’attore

Riccardo Fornoni Ha iniziato ad avvicinarsi al Teatro quasi per caso, ora è diventato il suo obiettivo di vita. È quanto sta accadendo a Riccardo Fornoni, 21enne, residente in città, attore in forza all’Accademia teatrale Francesco Campogalliani di Mantova, che ha vinto il prestigioso premio nazionale “Maschera d’Oro”, al concorso per gruppi teatrali amatoriali di Vicenza. In gara c’erano 7 compagnie e Riccardo ha prevalso nella categoria Migliore Attore per avere interpretato il ruolo di Orazio, innamorato della bella Agnese nella commedia La scuola delle mogli di Molière. «Ho iniziato un paio d’anni fa un corso alla Campogalliani per aspiranti attori - racconta Riccardo -. Ero appena stato a Milano per il test di ammissione alla facoltà di Architettura, ma non ero passato; avevo tempo da impiegare e mi sono iscritto. L’ambiente mi piaceva, mi emozionava. Ho debuttato proprio con lo spettacolo di Molière. Il riconoscimento a Vicenza non me lo aspettavo». Ora vuole proseguire e perfezionarsi, perché ha capito che il teatro è il suo mondo. Intanto frequenta il Politecnico di Milano, sede territoriale di Mantova: è sempre meglio avere aperte più possibilità. La passione per la recitazione però è predominante. «Vorrei farlo di professione - ammette -. Non farò sicuramente l’architetto per tutta la vita, non mi ci vedo. Anche gli amici mi sostengono e mi spronano a mollare l’Università per dedicarmi di più al teatro. Voglio portare a termine questo percorso di studio, anche se le mie aspirazioni sono altre». Simpatico, affabile, ha le idee chiare. Nel tempo libero (anche se è sempre troppo poco), pratica lo skateboarding sulla tavola a 4 ruote. Attualmente non è più fidanzato. «Lo sono stato fino a quando frequentavo le scuole superiori, ma poi è finita anche perché ho avuto sempre meno tempo libero». Nell’anno in cui festeggia il 70º anniversario di fondazione, la Campogalliani porterà in scena ad ottobre le pièce di Molière al Teatro Sociale. Un’ulteriore occasione per rivedere Riccardo sul palcoscenico.

Graziella Scavazza

 

La Gazzetta di Mantova
lunedì 21 marzo 2016

La Gazzetta di Mantova



FESTIVAL LA MASCHERA D’ORO


Fornoni premiato a Vicenza


21 marzo 2016



Riccardo Fornoni dell’Accademia Campogalliani premiato alla finale del Festival La Maschera d’oroRiccardo Fornoni, 21 anni, residente in città, attore in forza all’Accademia Campogalliani di Mantova, sabato sera è stato premiato alla finale della 28ma edizione del Festival Nazionale La Maschera d’oro di Vicenza. A Fornoni il premio migliore attore giovane per l’interpretazione del personaggio di Orazio ne La Scuola delle Mogli di Molière per la regia di Mario Zolin. Come evidenzia un passaggio della motivazione: Fornoni ha vestito la parte di Orazio con sapiente abilità. La sua recitazione e la sua gestualità hanno beneficiato di una spontaneità ricca di colori, ma anche della più opportuna compostezza, calibrate al punto da rendere il personaggio interpretato parte sempre attiva e ben armonizzata nell’intrigante testo di Molière. Per la Campogalliani che lo ha tra i suoi componenti, ma anche per il teatro in generale, giovani così offrono magnifiche prospettive.


Riccardo Fornoni dell’Accademia Campogalliani premiato alla finale del Festival La Maschera d’oro

Il Giornale di Vicenza
lunedì 22 febbraio 2016

Il Giornale di Vicenza



22 febbraio 2016

TEATRO. Al San Marco la compagnia mantovana per la Maschera d’Oro

L’umorismo di Molière conquista
Lunghi applausi alla Campogalliani


La scuola delle mogliVICENZA

Il pungente umorismo di Molière torna a rivivere sul palco del Teatro San Marco di Vicenza, grazie allo spettacolo "La scuola delle mogli" portato in scena dalla storica accademia teatrale mantovana Campogalliani, per la 28esima edizione del festival nazionale Maschera d’Oro. Lo scandalo di cui fu oggetto la commedia nel lontano 1662, soprattutto tra i nobili francesi dell’epoca, lascia oggi spazio alle risate e agli applausi, per uno spettacolo che ha piacevolmente coinvolto il numeroso pubblico vicentino dalla prima fino all’ultima battuta, grazie anche alla sapiente regia di Mario Zolin. Sullo sfondo di una scenografia volutamente spoglia, dovuta ad un allestimento semplice, essenziale, che comprende una panchina, uno sgabello e una porta, risaltano i magnifici costumi indossati dagli interpreti, così realistici e ben confezionati da proiettare lo spettatore nella società parigina di metà Seicento. Mattatore assoluto della serata, il bravissimo Claudio Madoglio, protagonista di un’interpretazione tanto magistrale da far passare quasi in secondo piano quella degli altri (seppur apprezzabili) attori. L’uomo, sbeffeggia i nobili della città etichettandoli come cornuti e sottolinea che un marito, per non rischiare di subire un tradimento dalla propria consorte, debba crescere la propria futura moglie nell’ignoranza più totale. Ma l’ingenuità, a volte, può essere un’arma a doppio taglio. La giovane infatti, sorvegliata dai due servitori di Arnolfo, si innamora di Orazio (Riccardo Fornoni), figlio di Oronte (Sergio Negri), grande amico del cinico borghese. La vicenda prende dunque una piega inaspettata per Arnolfo che, scoprendo di avere un rivale in amore, inizia una spietata "lotta" a distanza con Orazio, nel tentativo di boicottare gli incontri dei due giovani. Lo spettacolo, tra equivoci e sotterfugi, si conclude con un piacevole lieto fine, accolto dallo scroscio incessante degli applausi del pubblico.

Il Giornale di Vicenza
sabato 20 febbraio 2016
Il Giornale di Vicenza
 
20 febbraio 2016

L’Accademia teatrale di Mantova
gioca la carta delle mogli di Molière

L’Accademia Teatrale “Campogalliani” di Mantova in “La scuola delle mogli” di Molière L’Accademia Teatrale “Campogalliani” di Mantova in “La scuola delle mogli” di Molière

VICENZA

Il concorso nazionale di teatro entra nel vivo. Appuntamento con Molière e il suo spassoso e pungente "La scuola delle mogli" questa sera alle 21 al Teatro San Marco di Vicenza, quarta tappa del 28º Festival nazionale "Maschera d’Oro" promosso da F.i.t.a. Veneto - Federazione italiana teatro amatori, in collaborazione con Regione, Comune, Il Giornale di Vicenza e Confartigianato provinciale e con il patrocinio di Provincia e Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo. A salire sul palcoscenico, con la regia di Mario Zolin, sarà l’Accademia Teatrale "Francesco Campogalliani" di Mantova, formazione amatoriale tra le più longeve d’Italia e già vincitrice della kermesse nel 2002, nel 2003 e nel 2013.

Per tentare la quarta vittoria, dunque, l’Accademia si affida ad un Molière al vetriolo, che all’epoca della sua prima messinscena, nel 1662, scatenò un putiferio, dividendo intellettuali, aristocratici, teatranti e pubblica opinione, chi pro e chi contro l’autore.

Perché tanto scalpore? Perché il protagonista di questa piacevolissima commedia, l’altezzoso borghese e aspirante nobiluomo Arnolfo, è convinto che, per non correre il rischio di essere tradito, un uomo debba scegliere come moglie una giovane cresciuta a tale scopo fin dalla più tenera età, mantenendola lontana dalle tentazioni del mondo e quanto più possibile nell’assoluta ignoranza: «Se sposo un’oca – è infatti il suo motto – è per non essere fatto becco». Ma Agnese, la giovane designata a divenire sua moglie, è davvero così ingenua come Arnolfo crede? O i suoi sforzi non risulteranno, alla fine, non solo inutili ma perfino ridicoli? Nella Francia dell’epoca, tra matrimoni combinati che sfociavano quasi inevitabilmente in adulteri e donne – soprattutto nella nobiltà – sottomesse alla volontà di mariti e padri, un argomento del genere non poteva non toccare qualche nervo scoperto.

L’Accademia Campogalliani sceglie per questo suo Molière un’impostazione squisitamente classica, lasciando al testo del francese il ruolo di assoluto protagonista e affidandosi ad un cast composto da Claudio Madoglio, Valentina Durantini, Riccardo Fornoni, Matteo Bertoni, Gilberto Valle, Annalaura Melotti, Serena Zerbetto, Sergio Negri e Daniele Pizzoli. Scene di Diego Fusari e Mario Zolin, costumi di Francesca Campogalliani e Diego Fusari.

Fondata settant’anni fa, nel 1946, l’Accademia mantovana è intitolata al celebre burattinaio Francesco Campogalliani, discendente di un’antica famiglia di attori viaggianti. A costituire la compagnia fu Ettore Campogalliani, figlio di Francesco, compositore e maestro di numerosi grandi cantanti del melodramma italiano.

Biglietti interi a 10 euro e ridotti a 8.50, in vendita questa sera, dalle 19, al botteghino del teatro San Marco (telefono 0444 921560) o in prevendita nella sede di F.i.t.a. Veneto, in stradella delle Barche 7 a Vicenza (telefono 0444 324907). Informazioni sul sito internet www.fitaveneto.org. M.M.

14 dic

Compagnia Teatrale “Francesco Campogalliani”

  • Messaggi di ringraziamento
  • GLI STUDENTI A TEATRO
    Gli alunni delle classi 5ª A e 5ª B della Scuola Primaria Martiri di Belfiore di Mantova sono stati ospiti della Compagnia Teatrale “Francesco Campogalliani”.
  • Teatro di Palazzo d’Arco
    Mantova
  • lunedì 14 dicembre 2015
 

IL FANTASMA DI CANTERVILLE
di Oscar Wilde
lettura recitata

 
Gli studenti che hanno partecipato alla rappresentazione hanno voluto omaggiare la Compagnia con l’invio di numerosi biglietti di ringraziamento, di cui di seguito ne pubblichiamo alcuni.

 

...

18 lug

Isabella Bertolini

  • Miglior attrice
  • 4ª edizione Festival Nazionale del Teatro Amatoriale Brillante “La Torre Che Ride”
  • Arena Florida
    Porto Potenza Picena
  • sabato 18 luglio 2015
 

L’Incidente

Per l’interpretazione della Sig.ra Martelli ne “L’incidente”.

MOTIVAZIONE:
Per la deliziosa e riuscitissima interpretazione di un personaggio apparentemente svagato ed incauto che invece risulta avere la personalità più forte e strutturata tra tutti gli altri e che nel tourbillon degli avvenimenti non deroga alle sue convinzioni.

...

18 lug

Adolfo Vaini

  • Miglior attore non protagonista
  • 4ª edizione Festival Nazionale del Teatro Amatoriale Brillante “La Torre Che Ride”
  • Arena Florida
    Porto Potenza Picena
  • sabato 18 luglio 2015
 

L’Incidente

Per l’interpretazione del Dott. Scotti ne “L’incidente”.

MOTIVAZIONE:
Per la grande capacità attoriale nel rappresentare un personaggio afflitto dai più perniciosi vizi piccolo-borghesi.

...

13 mar

Diego Fusari

  • Migliore interprete
  • Festival Nazionale del Teatro Amatoriale SIPARIO D’ORO
  • Teatro Riccardo Zandonai
    Rovereto (TN)
  • venerdì 13 marzo 2015
 

La dodicesima notte

MOTIVAZIONE:
«in questa interpretazione shakespeariana che spinge ogni personaggio a vivere la sua realtà con l’anima di chi crede che non si possa gustare appieno la vita, l’interpretazione di Diego Fusari del Conte Orsino riesce ad attraversare tale tempesta con un raro senso di equilibrio. Fusari piega l’iniziale interpretazione grottesca del Conte progressivamente a una recitazione più credibile, poetica, quasi naturalistica. Si realizza così, davanti ai nostri occhi, una gamma congiunta di espressioni che sono anche un bell’esercizio di virtuosismo».

Gazzetta di Mantova
domenica 29 marzo 2015
Gazzetta di Mantova

Campogalliani, premiati Diego Fusari e Valentina Durantini

29 marzo 2015


Nuovi premi per l’Accademia Campogalliani: nell’ambito della rassegna nazionale "Sipario d’Oro" recentemente conclusasi al Teatro Zandonai di Rovereto, sono stati premiati quali migliori interpreti Valentina Durantini e Diego Fusari, nei ruoli rispettivamente della Contessa Olivia e del Duca Orsino ne La Dodicesima Notte di William Shakespeare per la regia di Maria Grazia Bettini. La Durantini è stata premiata dalla giuria per avere recitato con «una apparente semplicità nell’affrontare il personaggio di Olivia, semplicità che a volte sembra ingenuità, ma in realtà nasconde la furbizia e la determinazione del personaggio. Valentina Durantini esprime tutto questo con una grazia, un garbo, e una consapevolezza che riconsegna la Contessa ad una credibilità svincolata dallo stereotipo della finta ingenua». Diego Fusari ha vinto il premio in quanto «in questa interpretazione shakespeariana che spinge ogni personaggio a vivere la sua realtà con l’anima di chi crede che non si possa gustare appieno la vita, l’interpretazione di Diego Fusari del Conte Orsino riesce ad attraversare tale tempesta con un raro senso di equilibrio. Fusari piega l’iniziale interpretazione grottesca del Conte progressivamente a una recitazione più credibile, poetica, quasi naturalistica. Si realizza così, davanti ai nostri occhi, una gamma congiunta di espressioni che sono anche un bell’esercizio di virtuosismo». Attualmente la Campogalliani sta rappresentando con grande successo al Teatrino D’Arco la divertente commedia di Luigi Lunari L’incidente che ha già registrato il tutto esaurito per tutte le repliche in programma che si protrarranno fino al 23 aprile. Per informazioni telefonare allo 0376 325363 dal mercoledì al sabato dalle ore 17 alle ore 18,30.

13 mar

Valentina Durantini

  • Miglior interprete
  • Festival Nazionale del Teatro Amatoriale SIPARIO D’ORO
  • Teatro Riccardo Zandonai
    Rovereto (TN)
  • venerdì 13 marzo 2015
 

La dodicesima notte

MOTIVAZIONE:
«una apparente semplicità nell’affrontare il personaggio di Olivia, semplicità che a volte sembra ingenuità, ma in realtà nasconde la furbizia e la determinazione del personaggio. Valentina Durantini esprime tutto questo con una grazia, un garbo, e una consapevolezza che riconsegna la Contessa ad una credibilità svincolata dallo stereotipo della finta ingenua».

Gazzetta di Mantova
domenica 29 marzo 2015
Gazzetta di Mantova

Campogalliani, premiati Diego Fusari e Valentina Durantini

29 marzo 2015


Nuovi premi per l’Accademia Campogalliani: nell’ambito della rassegna nazionale "Sipario d’Oro" recentemente conclusasi al Teatro Zandonai di Rovereto, sono stati premiati quali migliori interpreti Valentina Durantini e Diego Fusari, nei ruoli rispettivamente della Contessa Olivia e del Duca Orsino ne La Dodicesima Notte di William Shakespeare per la regia di Maria Grazia Bettini. La Durantini è stata premiata dalla giuria per avere recitato con «una apparente semplicità nell’affrontare il personaggio di Olivia, semplicità che a volte sembra ingenuità, ma in realtà nasconde la furbizia e la determinazione del personaggio. Valentina Durantini esprime tutto questo con una grazia, un garbo, e una consapevolezza che riconsegna la Contessa ad una credibilità svincolata dallo stereotipo della finta ingenua». Diego Fusari ha vinto il premio in quanto «in questa interpretazione shakespeariana che spinge ogni personaggio a vivere la sua realtà con l’anima di chi crede che non si possa gustare appieno la vita, l’interpretazione di Diego Fusari del Conte Orsino riesce ad attraversare tale tempesta con un raro senso di equilibrio. Fusari piega l’iniziale interpretazione grottesca del Conte progressivamente a una recitazione più credibile, poetica, quasi naturalistica. Si realizza così, davanti ai nostri occhi, una gamma congiunta di espressioni che sono anche un bell’esercizio di virtuosismo». Attualmente la Campogalliani sta rappresentando con grande successo al Teatrino D’Arco la divertente commedia di Luigi Lunari L’incidente che ha già registrato il tutto esaurito per tutte le repliche in programma che si protrarranno fino al 23 aprile. Per informazioni telefonare allo 0376 325363 dal mercoledì al sabato dalle ore 17 alle ore 18,30.

26 ott

Aldo Signoretti

  • Targa U.I.L.T.
  • Premio U.I.L.T.
  • Best Western Hotel Cristallo
    Borgo Virgilio (MN)
  • domenica 26 ottobre 2014
 

ALDO SIGNORETTI
il grande maestro del nostro teatro amatoriale

 

Targa U.I.L.T. a ALDO SIGNORETTI

 

SCENA - U.I.L.T. Notizie n. 78
mercoledì 1 ottobre 2014
Logo SCENA
 

4 lug

Acc. Campogalliani

  • Premio Migliore Allestimento Scenico
  • FESTIVAL NAZIONALE DEL TEATRO BRILLANTE "LA TORRE CHE RIDE"
  • ARENA BENIAMINO GIGLI
    PORTO RECANATI (MC)
  • venerdì 4 luglio 2014
 

La dodicesima notte

MOTIVAZIONE:
"Gli essenziali elementi di scena, i raffinati costumi, le luci e i suoni efficaci hanno dato al testo shakespeariano una cornice elegante e appropriata."

CM cronachemaceratesi.it
domenica 7 settembre 2014
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete


 
9 luglio 2014

...
In quarta serata è scesa in lizza l’“Accademia F. Campogalliani” di Mantova, una delle migliori compagnie amatoriali italiane, che ha presentato “La dodicesima notte di Shakespeare”, nella originale e più godibile riscrittura di Luigi Lunari, autore e critico teatrale di grande vaglia. La formazione lombarda, sotto la guida della regista Maria Grazia Bettini, ha bissato il successo ottenuto nella prima edizione del Festival con “Il clan delle vedove’, aggiudicandosi due premi: quello per il miglior allestimento scenico, curato da Diego Fusari e Daniele Pizzoli e quello per il miglior attore non protagonista, assegnato al bravissimo Giancarlo Braglia, il “sir Tobia” sempre misuratamente ubriaco, per aver “caratterizzato in modo brillante ed incisivo una figura eccentrica, in una vicenda altrimenti patetica”. Lo stesso Fusari, che ha interpretato da par suo il ruolo del bizzarro Orsino, duca di Illiria, ha curato i bellissimi costumi insieme a Francesca Campogalliani.
...


 

 

 

 

Gazzetta di Mantova
domenica 13 luglio 2014
Gazzetta di Mantova


FESTIVAL "LA TORRE CHE RIDE"


Porto Recanati, due premi importanti per la Campogalliani

13 luglio 2014 - pagina 22 sezione: Nazionale


Giancarlo Braglia in scena tra Giovanna Bertoli e Martina Ginelli

Per la seconda volta l’Accademia Campogalliani viene invitata al Festival Nazionale La Torre che ride di Porto Recanati e per la seconda volta si aggiudica due importanti premi. Lo spettacolo, selezionato tra i circa 70 visionati in tutta Italia, è La Dodicesima Notte di William Shakespeare per la regia di Maria Grazia Bettini, che si è aggiudicato il premio per il migliore allestimento (scene e costumi ideati e curati da Diego Fusari, Daniele Pizzoli e Francesca Campogalliani ) e per il migliore attore non protagonista a Giancarlo Braglia nella parte di Sir Toby. Le motivazioni: «migliore allestimento in quanto gli essenziali elementi di scena, i raffinati costumi, le luci e i suoni efficaci hanno dato al testo shakespiriamo una cornice elegante ed appropriata; migliore attore non protagonista per aver caratterizzato in modo brillante ed incisivo una figura eccentrica rispetto alla vicenda altrimenti patetica di amori non corrisposti». La commedia, che beneficiava della simpatica e moderna traduzione di Luigi Lunari, ha debuttato il 31-12-2013 al Teatrino D’Arco ed è rimasta in scena per una trentina di repliche. Lo spettacolo inaugurerà anche il Festival Nazionale D’Arte Drammatica di Pesaro il prossimo 21 settembre.

 

4 lug

Giancarlo Braglia (Sir Tobia)

  • Premio Migliore Attore non Protagonista
  • FESTIVAL NAZIONALE DEL TEATRO BRILLANTE "LA TORRE CHE RIDE"
  • ARENA BENIAMINO GIGLI
    PORTO RECANATI (MC)
  • venerdì 4 luglio 2014
 

La dodicesima notte

MOTIVAZIONE:
"Caratterizza in modo brillante ed incisivo una figura eccentrica rispetto alla vicenda altrimenti patetica di amori non corrisposti."

CM cronachemaceratesi.it
domenica 7 settembre 2014
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete


 
9 luglio 2014

...
In quarta serata è scesa in lizza l’“Accademia F. Campogalliani” di Mantova, una delle migliori compagnie amatoriali italiane, che ha presentato “La dodicesima notte di Shakespeare”, nella originale e più godibile riscrittura di Luigi Lunari, autore e critico teatrale di grande vaglia. La formazione lombarda, sotto la guida della regista Maria Grazia Bettini, ha bissato il successo ottenuto nella prima edizione del Festival con “Il clan delle vedove’, aggiudicandosi due premi: quello per il miglior allestimento scenico, curato da Diego Fusari e Daniele Pizzoli e quello per il miglior attore non protagonista, assegnato al bravissimo Giancarlo Braglia, il “sir Tobia” sempre misuratamente ubriaco, per aver “caratterizzato in modo brillante ed incisivo una figura eccentrica, in una vicenda altrimenti patetica”. Lo stesso Fusari, che ha interpretato da par suo il ruolo del bizzarro Orsino, duca di Illiria, ha curato i bellissimi costumi insieme a Francesca Campogalliani.
...


 

 

 

 

Gazzetta di Mantova
domenica 13 luglio 2014
Gazzetta di Mantova


FESTIVAL "LA TORRE CHE RIDE"


Porto Recanati, due premi importanti per la Campogalliani

13 luglio 2014 - pagina 22 sezione: Nazionale


Giancarlo Braglia in scena tra Giovanna Bertoli e Martina Ginelli

Per la seconda volta l’Accademia Campogalliani viene invitata al Festival Nazionale La Torre che ride di Porto Recanati e per la seconda volta si aggiudica due importanti premi. Lo spettacolo, selezionato tra i circa 70 visionati in tutta Italia, è La Dodicesima Notte di William Shakespeare per la regia di Maria Grazia Bettini, che si è aggiudicato il premio per il migliore allestimento (scene e costumi ideati e curati da Diego Fusari, Daniele Pizzoli e Francesca Campogalliani ) e per il migliore attore non protagonista a Giancarlo Braglia nella parte di Sir Toby. Le motivazioni: «migliore allestimento in quanto gli essenziali elementi di scena, i raffinati costumi, le luci e i suoni efficaci hanno dato al testo shakespiriamo una cornice elegante ed appropriata; migliore attore non protagonista per aver caratterizzato in modo brillante ed incisivo una figura eccentrica rispetto alla vicenda altrimenti patetica di amori non corrisposti». La commedia, che beneficiava della simpatica e moderna traduzione di Luigi Lunari, ha debuttato il 31-12-2013 al Teatrino D’Arco ed è rimasta in scena per una trentina di repliche. Lo spettacolo inaugurerà anche il Festival Nazionale D’Arte Drammatica di Pesaro il prossimo 21 settembre.

 

28 mar

Maria Grazia Bettini

  • Miglior regia
  • Festival Nazionale del Teatro Amatoriale Sipario d’oro
  • Auditorium Fausto Melotti
    Rovereto (TN)
  • venerdì 28 marzo 2014
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
Una regia scopertamente "al femminile", quella firmata da Maria Grazia Bettini per questo suo Pigmalione, che partendo da atmosfere astratte, quasi metafisiche, approda ad un più stretto ed elegante realismo scenico che esalta, invece delle pur brillanti ma non più attuali situazioni, il carattere degli innumerevoli personaggi, ma principalmente il ruolo che le donne hanno in questa commedia dalla conversazione spiccia e satura di neologismi e parole inventate, preludio umoristico, in questo caso anche burlesco, per qualsiasi emancipazione. Divertite le scene, allegre e funzionali le musiche per una versione scenica della commedia di GB. Shaw, nella quale, per una volta tanto, non viene assicurato il lieto fine.

...

8 feb

Rossella Avanzi

  • Migliore attrice
  • Festival Nazionale del Teatro Amatoriale - Trofeo Catullo
  • Palazzo dei Congressi
    Sirmione (BS)
  • sabato 8 febbraio 2014
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE.
"La metamorfosi del personaggio è stata offerta allo spettatore con una impressionante progressione di variazioni della gestualità, dei movimenti e soprattutto dell’eloquio, come il personaggio richiedeva, variazioni mantenute costantemente in divenire senza cedimenti per l’intero arco della rappresentazione."

...

8 feb

Adolfo Vaini

  • Miglior attore caratterista
  • Festival Nazionale del Teatro Amatoriale - Trofeo Catullo
  • Palazzo dei Congressi
    Sirmione (BS)
  • sabato 8 febbraio 2014
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
"Una collaudata ricchezza interpretativa ed una ammiccante valenza mimica e gestuale, unite ad una ridondante ed appropriatissima sonorità vocale, hanno fortemente caratterizzato un personaggio capace di imporre ritmo e plasticità teatrale all’interno dell’intera vicenda, ricordando il tradizionale effetto dell’elefante in un negozio di cristalleria."

...

10 nov

Acc. Campogalliani

  • Miglior spettacolo
  • 45ª RASSEGNA NAZIONALE “A. PERUGINI”
  • Teatro Lauro Rossi
    MACERATA
  • domenica 10 novembre 2013
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
Lo spettacolo restituisce le giuste e coinvolgenti atmosfere della Londra vittoriana, attraverso il recupero di ogni dettaglio. Si misurano due mondi : quello emarginati, che risulterà vincente, e quello falsamente aristocratico, che dovrà, suo malgrado adattarsi alle nuove realtà. Una vicenda raccontata in una sintesi artistica felice che illustra, come in un dipinto, i tempi, i ritmi, i contrasti di pensiero del miglior teatro classico.

CM cronachemaceratesi.it
mercoledì 27 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

«Pigmalione» asso pigliatutto


Si aggiudica numerosi premi al 45o Festival Macerata Teatro


mercoledì 27 novembre 2013


di Walter Cortella


Francesca CampogallianiOrmai il 45o Festival Macerata Teatro appartiene al passato. I riflettori del «L.Rossi» sono spenti ma è ancora viva l’eco degli applausi con i quali il pubblico ha salutato, nel corso della cerimonia di premiazione, i rappresentanti delle Compagnie partecipanti. Diciamo subito che l’edizione 2013 della riuscita kermesse maceratese ha visto il trionfo indiscusso dell’«Accademia F.Campogalliani» di Mantova che con il suo Pigmalione di G. B. Shaw si è aggiudicato ben cinque premi. 
La giuria di esperti le ha assegnato il prestigioso trofeo «A.Perugini», destinato al migliore spettacolo, con la seguente motivazione: «Lo spettacolo restituisce le giuste e coinvolgenti atmosfere della Londra vittoriana, attraverso il recupero di ogni dettaglio. Si misurano due mondi: quello emarginato, che risulterà vincente, e quello falsamente aristocratico che dovrà, suo malgrado, adattarsi alle nuove realtà. Una vicenda raccontata in una sintesi artistica felice che illustra, come in un dipinto, i tempi, i ritmi, i contrasti di pensiero del miglior teatro classico».

Il miglior attore Diego FusariA corollario di questo riconoscimento, ci sono gli altri premi: miglior attore a Diego Fusari per la sua superlativa interpretazione del professor Higgins: «Protagonista di una performance che restituisce un personaggio prigioniero dell’aplomb britannico, che solo alla fine rivela la sua umanità, disposto a ripensare la propria esistenza, fino a quel momento riempita soltanto dalle gratificazioni personali di una cultura d’élite. Un’interpretazione costruita su tempi, ritmi e toni perfetti»; premio per la migliore attrice a Francesca Campogalliani, nel ruolo della raffinata madre dell’illustre linguista per aver «... saputo tratteggiare con assoluta e magnetica padronanza della scena un personaggio solo apparentemente uguale a se stesso, che unitamente alla giovane protagonista ha contribuito a sfaldare le certezze di un’epoca e di un mondo. Ancora una volta ha dimostrato qualità interpretative che esaltano tutta la sua lunga storia sul palcoscenico»; migliore caratterizzazione maschile ad Adolfo VainiAdolfo Vaini (Alfred Doolittle) per aver «... dato vita a un personaggio divertente e sopra le righe, che pur contestando le regole morali della società del suo tempo, in effetti si dimostra padrone di sé, determinato nel suo agire e capace con intelligenza e furbizia di approfittare delle circostanze che il caso gli offre per ottenere un salto sociale che lo soddisfa esteriormente, consentendogli anche di vendicarsi dei tanti soprusi ricevuti»; premio per la migliore scenografia, creata dal trio Fusari-Pizzoli-Zolin: «L’impianto scenico risolve con intelligenza e originalità le difficoltà prodotte dal testo. Attraverso soluzioni giocose e nello stesso tempo aderenti a un’idea contemporanea di scenografia, vengono illustrate tutte le diverse situazioni proposte dal lavoro, tra didascalia e astrazione». Inoltre, nomination per la regista Maria Grazia Bettini. E non basta: terzo gradino per la Compagnia mantovana sull’immaginario podio delle preferenze popolari. Un risultato di grandissimo rilievo che premia una delle formazioni di maggior prestigio nel ricco panorama del teatro amatoriale italiano. Ogni sua esibizione sulla scena della manifestazione maceratese è stata accolta sempre con grande favore dal pubblico.


 



Cm cronachemaceratesi.it
giovedì 14 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

Il “Pigmalione” dell’Accademia Campogalliani

MACERATA TEATRO - Al «Lauro Rossi» è andato in scena il capolavoro di George Barnard Shaw


di Walter Cortella
Il cartellone del 45o Festival Macerata Teatro, dopo la commedia contemporanea, vagamente tinta di giallo, Tressette con il morto di Gerry Petrosino, torna al teatro classico proponendo Pigmalione, di George Bernard Shaw, nell’allestimento dell’«Accademia F. Campogalliani» di Mantova, per la regia di Maria Grazia Bettini.
In questa celebre commedia l’autore affronta temi a lui molto cari, come la lotta di classe, l’emancipazione femminile, la fonetica e la superficialità dell’alta borghesia, ma forse il nodo centrale intorno al quale ruota tutta la vicenda è la manipolazione operata da sempre dall’uomo a danno dei suoi simili.

Nel caso specifico,
il prof. Higgins, illustre studioso di fonetica, colpito dai modi rudi e dal linguaggio a dir poco pittoresco di Elisa Doolittle, una umile fioraia incontrata casualmente in una serata di pioggia sul marciapiedi antistante un teatro londinese, decide di impartirle lezioni private per farle acquisire buone maniere e un linguaggio più corretto. È convinto che nel giro di soli sei mesi riuscirà a introdurla addirittura a corte. Non c’è che dire, una bella pretesa! Un esperimento intrigante! In realtà, il suo ambizioso progetto nasconde tra le pieghe un risultato secondario non del tutto condivisibile. Va bene l’elevamento culturale delle persone, ma fino a qual punto è lecito togliere qualcuno dalla strada, “ripulirlo” in tutti sensi, fargli conoscere nuovi stili di vita, assaporare solo per un breve tempo i piaceri e i lussi di un mondo del tutto diverso dal suo per poi abbandonarlo al suo destino? Che cosa ne sarà di lui una volta concluso l’esperimento? Riuscirà a farsi accettare nei nuovi ambienti sociali o dovrà rientrare sconfitto nel suo habitat naturale, nel quale si sentirà non più comunque a suo agio?

Di primo acchito non è facile dare una risposta a questa domanda, ma è grave che il cinico prof. Higgins di Shaw non si ponga assolutamente il quesito, nemmeno quando l’onesto colonnello Pickering, suo estimatore ed entusiasta partner nell’esperimento, lo induce a riflettere sulla liceità della sua operazione socio-culturale. A Higgins non interessa affatto il futuro della sua allieva, è un argomento che non lo sfiora minimamente. E invece dovrebbe farlo riflettere.Lui, egoista, narcisista e cinico, vuol ad ogni costo vincere la scommessa che ha fatto in fondo con se stesso: plasmare una nuova creatura, più nobile dell’originale,almeno all’apparenza, per far rivivere così nel XX secolo il mito del Pigmalione di Ovidio. Mutatis mutandis, è ciò che accade quando un pover’uomo, confinato nel ghetto dell’indigenza, vince improvvisamente uno di quei ricchissimi jackpot a sei zeri! Quale stravolgimenti può indurre nella sua esistenza una simile vincita inattesa, anche se in segreto sempre desiderata? Non è facile fare previsioni, è vero, ma l’esperienza ci dice che quei neo-ricchi hanno in seguito pagato a caro prezzo tanta fortuna. Il  buon senso dovrebbe illuminare chi di dovere! Ma torniamo alla commedia, proposta nella traduzione di Luigi Lunari nella quale, finalmente, la simpatica Doolittle parla un cockney made in Italy, ovvero un italiano infarcito di errori sintattici, di espressioni grevi e di termini scurrili, tipico di un strato sociale di bassa levatura, eliminando una grossa e ridicola incongruenza, quella di sentire una fioraia inglese di nome Doolittle che a Londra si rivolge a persone naturalmente anch’esse inglesi, in un improbabile lingua dalla cadenza pugliese o ciociara.

Inammissibile! In questo modo, il Pigmalione di Lunari è chiaramente più gradevole e credibile.Grazie, Lunari. La commedia è giocata sul filo dell’umorismo più raffinato, dall’inizio alla fine. Ottima l’interpretazione di tutti i componenti del cast, a cominciare da Diego Fusari, il cinico e «odioso» prof. Higgins, sempre sicuro di sé sulla scena. Una riuscita caratterizzazione, la sua. Accanto a lui, una graziosa Rossella Avanzi, convincente sia nel ruolo dell’umile fioraia che in quella di nuova lady. Ha saputo rendere appieno la «metamorfosi» operata in lei dal celebre linguista. Mario Zolin, impeccabile nel ruolo del colonnello Pickering, un ufficiale d’altri tempi, con il suo aplomb d’alta scuola. E che dire di Francesca Campogalliani? Perfetta nei panni della signora Higgins, dolce con gli ospiti e severa con il bizzoso e viziato figlio. Sempre pacata e raffinata nelle movenze. Adolfo Vaini ha il merito di aver conferito grande calore umano al rude ma simpatico Alfred Doolittle, più incline alla sana e godereccia vita delle osterie che a quella «ingessata» del nuovo ricco. Impeccabile la sua interpretazione. Bravi anche tutti gli altri elementi del cast, ma vorrei citare in particolare Antonella Farina. Austera nel tratto ma elegante nelle movenze, ha dato vita ad una perfetta signora Pearce, la governante di casa Higgins.E la scenografia del trio Fusari-Pizzoli-Zolin? Originale, semplice e raffinata: niente suppellettili ridondanti, ma leggeri disegni su pannelli mobili e sedie bianche, ad evocare un sobrio arredamento in stile Chippendale. I vari cambi di scena sono stati eseguiti tutti «a vista» dagli stessi protagonisti, con eleganti movimenti coreografici. Un vero tocco di classe. Infine un commento sui costumi, opera di Francesca Campogalliani e Diego Fusari: deliziosi, ricercati e ricchi. Numerosi e di raffinata fattura. Onori alla sartoria Costa Pereira. Con questo Pigmalione di così alto livello artistico, diretto con collaudata perizia da Maria Grazia Bettini, l’«Accademia Campogalliani», da sempre «punto di forza» della kermesse maceratese, si conferma come una delle migliori compagnie amatoriali italiane.
(Foto di Maurizio Iesari)

 

il «Pigmalione»Rossella Avanzi «lady Doolittle»Rossella Avanzi «Elisa Doolittle»Adolfo Vaini «Alfred Doolittle»
10 nov

Francesca Campogalliani

  • Miglior attrice
  • 45ª RASSEGNA NAZIONALE “A. PERUGINI”
  • Teatro Lauro Rossi
    MACERATA
  • domenica 10 novembre 2013
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
Ha saputo tratteggiare con assoluta e magnetica padronanza della scena un personaggio solo apparentemente uguale a se stesso, che unitamente alla giovane protagonista ha contribuito a sfaldare le certezze di un’epoca e di un mondo. Ancora una volta ha dimostrato qualità interpretative che esaltano tutta la sua lunga storia sul palcoscenico.

CM cronachemaceratesi.it
mercoledì 27 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

«Pigmalione» asso pigliatutto


Si aggiudica numerosi premi al 45o Festival Macerata Teatro


mercoledì 27 novembre 2013


di Walter Cortella


Francesca CampogallianiOrmai il 45o Festival Macerata Teatro appartiene al passato. I riflettori del «L.Rossi» sono spenti ma è ancora viva l’eco degli applausi con i quali il pubblico ha salutato, nel corso della cerimonia di premiazione, i rappresentanti delle Compagnie partecipanti. Diciamo subito che l’edizione 2013 della riuscita kermesse maceratese ha visto il trionfo indiscusso dell’«Accademia F.Campogalliani» di Mantova che con il suo Pigmalione di G. B. Shaw si è aggiudicato ben cinque premi. 
La giuria di esperti le ha assegnato il prestigioso trofeo «A.Perugini», destinato al migliore spettacolo, con la seguente motivazione: «Lo spettacolo restituisce le giuste e coinvolgenti atmosfere della Londra vittoriana, attraverso il recupero di ogni dettaglio. Si misurano due mondi: quello emarginato, che risulterà vincente, e quello falsamente aristocratico che dovrà, suo malgrado, adattarsi alle nuove realtà. Una vicenda raccontata in una sintesi artistica felice che illustra, come in un dipinto, i tempi, i ritmi, i contrasti di pensiero del miglior teatro classico».

Il miglior attore Diego FusariA corollario di questo riconoscimento, ci sono gli altri premi: miglior attore a Diego Fusari per la sua superlativa interpretazione del professor Higgins: «Protagonista di una performance che restituisce un personaggio prigioniero dell’aplomb britannico, che solo alla fine rivela la sua umanità, disposto a ripensare la propria esistenza, fino a quel momento riempita soltanto dalle gratificazioni personali di una cultura d’élite. Un’interpretazione costruita su tempi, ritmi e toni perfetti»; premio per la migliore attrice a Francesca Campogalliani, nel ruolo della raffinata madre dell’illustre linguista per aver «... saputo tratteggiare con assoluta e magnetica padronanza della scena un personaggio solo apparentemente uguale a se stesso, che unitamente alla giovane protagonista ha contribuito a sfaldare le certezze di un’epoca e di un mondo. Ancora una volta ha dimostrato qualità interpretative che esaltano tutta la sua lunga storia sul palcoscenico»; migliore caratterizzazione maschile ad Adolfo VainiAdolfo Vaini (Alfred Doolittle) per aver «... dato vita a un personaggio divertente e sopra le righe, che pur contestando le regole morali della società del suo tempo, in effetti si dimostra padrone di sé, determinato nel suo agire e capace con intelligenza e furbizia di approfittare delle circostanze che il caso gli offre per ottenere un salto sociale che lo soddisfa esteriormente, consentendogli anche di vendicarsi dei tanti soprusi ricevuti»; premio per la migliore scenografia, creata dal trio Fusari-Pizzoli-Zolin: «L’impianto scenico risolve con intelligenza e originalità le difficoltà prodotte dal testo. Attraverso soluzioni giocose e nello stesso tempo aderenti a un’idea contemporanea di scenografia, vengono illustrate tutte le diverse situazioni proposte dal lavoro, tra didascalia e astrazione». Inoltre, nomination per la regista Maria Grazia Bettini. E non basta: terzo gradino per la Compagnia mantovana sull’immaginario podio delle preferenze popolari. Un risultato di grandissimo rilievo che premia una delle formazioni di maggior prestigio nel ricco panorama del teatro amatoriale italiano. Ogni sua esibizione sulla scena della manifestazione maceratese è stata accolta sempre con grande favore dal pubblico.


 



Cm cronachemaceratesi.it
giovedì 14 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

Il “Pigmalione” dell’Accademia Campogalliani

MACERATA TEATRO - Al «Lauro Rossi» è andato in scena il capolavoro di George Barnard Shaw


di Walter Cortella
Il cartellone del 45o Festival Macerata Teatro, dopo la commedia contemporanea, vagamente tinta di giallo, Tressette con il morto di Gerry Petrosino, torna al teatro classico proponendo Pigmalione, di George Bernard Shaw, nell’allestimento dell’«Accademia F. Campogalliani» di Mantova, per la regia di Maria Grazia Bettini.
In questa celebre commedia l’autore affronta temi a lui molto cari, come la lotta di classe, l’emancipazione femminile, la fonetica e la superficialità dell’alta borghesia, ma forse il nodo centrale intorno al quale ruota tutta la vicenda è la manipolazione operata da sempre dall’uomo a danno dei suoi simili.

Nel caso specifico,
il prof. Higgins, illustre studioso di fonetica, colpito dai modi rudi e dal linguaggio a dir poco pittoresco di Elisa Doolittle, una umile fioraia incontrata casualmente in una serata di pioggia sul marciapiedi antistante un teatro londinese, decide di impartirle lezioni private per farle acquisire buone maniere e un linguaggio più corretto. È convinto che nel giro di soli sei mesi riuscirà a introdurla addirittura a corte. Non c’è che dire, una bella pretesa! Un esperimento intrigante! In realtà, il suo ambizioso progetto nasconde tra le pieghe un risultato secondario non del tutto condivisibile. Va bene l’elevamento culturale delle persone, ma fino a qual punto è lecito togliere qualcuno dalla strada, “ripulirlo” in tutti sensi, fargli conoscere nuovi stili di vita, assaporare solo per un breve tempo i piaceri e i lussi di un mondo del tutto diverso dal suo per poi abbandonarlo al suo destino? Che cosa ne sarà di lui una volta concluso l’esperimento? Riuscirà a farsi accettare nei nuovi ambienti sociali o dovrà rientrare sconfitto nel suo habitat naturale, nel quale si sentirà non più comunque a suo agio?

Di primo acchito non è facile dare una risposta a questa domanda, ma è grave che il cinico prof. Higgins di Shaw non si ponga assolutamente il quesito, nemmeno quando l’onesto colonnello Pickering, suo estimatore ed entusiasta partner nell’esperimento, lo induce a riflettere sulla liceità della sua operazione socio-culturale. A Higgins non interessa affatto il futuro della sua allieva, è un argomento che non lo sfiora minimamente. E invece dovrebbe farlo riflettere.Lui, egoista, narcisista e cinico, vuol ad ogni costo vincere la scommessa che ha fatto in fondo con se stesso: plasmare una nuova creatura, più nobile dell’originale,almeno all’apparenza, per far rivivere così nel XX secolo il mito del Pigmalione di Ovidio. Mutatis mutandis, è ciò che accade quando un pover’uomo, confinato nel ghetto dell’indigenza, vince improvvisamente uno di quei ricchissimi jackpot a sei zeri! Quale stravolgimenti può indurre nella sua esistenza una simile vincita inattesa, anche se in segreto sempre desiderata? Non è facile fare previsioni, è vero, ma l’esperienza ci dice che quei neo-ricchi hanno in seguito pagato a caro prezzo tanta fortuna. Il  buon senso dovrebbe illuminare chi di dovere! Ma torniamo alla commedia, proposta nella traduzione di Luigi Lunari nella quale, finalmente, la simpatica Doolittle parla un cockney made in Italy, ovvero un italiano infarcito di errori sintattici, di espressioni grevi e di termini scurrili, tipico di un strato sociale di bassa levatura, eliminando una grossa e ridicola incongruenza, quella di sentire una fioraia inglese di nome Doolittle che a Londra si rivolge a persone naturalmente anch’esse inglesi, in un improbabile lingua dalla cadenza pugliese o ciociara.

Inammissibile! In questo modo, il Pigmalione di Lunari è chiaramente più gradevole e credibile.Grazie, Lunari. La commedia è giocata sul filo dell’umorismo più raffinato, dall’inizio alla fine. Ottima l’interpretazione di tutti i componenti del cast, a cominciare da Diego Fusari, il cinico e «odioso» prof. Higgins, sempre sicuro di sé sulla scena. Una riuscita caratterizzazione, la sua. Accanto a lui, una graziosa Rossella Avanzi, convincente sia nel ruolo dell’umile fioraia che in quella di nuova lady. Ha saputo rendere appieno la «metamorfosi» operata in lei dal celebre linguista. Mario Zolin, impeccabile nel ruolo del colonnello Pickering, un ufficiale d’altri tempi, con il suo aplomb d’alta scuola. E che dire di Francesca Campogalliani? Perfetta nei panni della signora Higgins, dolce con gli ospiti e severa con il bizzoso e viziato figlio. Sempre pacata e raffinata nelle movenze. Adolfo Vaini ha il merito di aver conferito grande calore umano al rude ma simpatico Alfred Doolittle, più incline alla sana e godereccia vita delle osterie che a quella «ingessata» del nuovo ricco. Impeccabile la sua interpretazione. Bravi anche tutti gli altri elementi del cast, ma vorrei citare in particolare Antonella Farina. Austera nel tratto ma elegante nelle movenze, ha dato vita ad una perfetta signora Pearce, la governante di casa Higgins.E la scenografia del trio Fusari-Pizzoli-Zolin? Originale, semplice e raffinata: niente suppellettili ridondanti, ma leggeri disegni su pannelli mobili e sedie bianche, ad evocare un sobrio arredamento in stile Chippendale. I vari cambi di scena sono stati eseguiti tutti «a vista» dagli stessi protagonisti, con eleganti movimenti coreografici. Un vero tocco di classe. Infine un commento sui costumi, opera di Francesca Campogalliani e Diego Fusari: deliziosi, ricercati e ricchi. Numerosi e di raffinata fattura. Onori alla sartoria Costa Pereira. Con questo Pigmalione di così alto livello artistico, diretto con collaudata perizia da Maria Grazia Bettini, l’«Accademia Campogalliani», da sempre «punto di forza» della kermesse maceratese, si conferma come una delle migliori compagnie amatoriali italiane.
(Foto di Maurizio Iesari)

 

il «Pigmalione»Rossella Avanzi «lady Doolittle»Rossella Avanzi «Elisa Doolittle»Adolfo Vaini «Alfred Doolittle»
10 nov

Diego Fusari

  • Miglior attore
  • 45ª RASSEGNA NAZIONALE “A. PERUGINI”
  • Teatro Lauro Rossi
    MACERATA
  • domenica 10 novembre 2013
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
Protagonista di una performance che restituisce un personaggio prigioniero di un aplomb britannico, che solo alla fine rivela la sua umanità, disposto a ripensare la propria esistenza, fino a quel momento riempita soltanto dalle gratificazioni personali di una cultura di élite. Un’interpretazione costruita su tempi, ritmi e toni perfetti.

CM cronachemaceratesi.it
mercoledì 27 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

«Pigmalione» asso pigliatutto


Si aggiudica numerosi premi al 45o Festival Macerata Teatro


mercoledì 27 novembre 2013


di Walter Cortella


Francesca CampogallianiOrmai il 45o Festival Macerata Teatro appartiene al passato. I riflettori del «L.Rossi» sono spenti ma è ancora viva l’eco degli applausi con i quali il pubblico ha salutato, nel corso della cerimonia di premiazione, i rappresentanti delle Compagnie partecipanti. Diciamo subito che l’edizione 2013 della riuscita kermesse maceratese ha visto il trionfo indiscusso dell’«Accademia F.Campogalliani» di Mantova che con il suo Pigmalione di G. B. Shaw si è aggiudicato ben cinque premi. 
La giuria di esperti le ha assegnato il prestigioso trofeo «A.Perugini», destinato al migliore spettacolo, con la seguente motivazione: «Lo spettacolo restituisce le giuste e coinvolgenti atmosfere della Londra vittoriana, attraverso il recupero di ogni dettaglio. Si misurano due mondi: quello emarginato, che risulterà vincente, e quello falsamente aristocratico che dovrà, suo malgrado, adattarsi alle nuove realtà. Una vicenda raccontata in una sintesi artistica felice che illustra, come in un dipinto, i tempi, i ritmi, i contrasti di pensiero del miglior teatro classico».

Il miglior attore Diego FusariA corollario di questo riconoscimento, ci sono gli altri premi: miglior attore a Diego Fusari per la sua superlativa interpretazione del professor Higgins: «Protagonista di una performance che restituisce un personaggio prigioniero dell’aplomb britannico, che solo alla fine rivela la sua umanità, disposto a ripensare la propria esistenza, fino a quel momento riempita soltanto dalle gratificazioni personali di una cultura d’élite. Un’interpretazione costruita su tempi, ritmi e toni perfetti»; premio per la migliore attrice a Francesca Campogalliani, nel ruolo della raffinata madre dell’illustre linguista per aver «... saputo tratteggiare con assoluta e magnetica padronanza della scena un personaggio solo apparentemente uguale a se stesso, che unitamente alla giovane protagonista ha contribuito a sfaldare le certezze di un’epoca e di un mondo. Ancora una volta ha dimostrato qualità interpretative che esaltano tutta la sua lunga storia sul palcoscenico»; migliore caratterizzazione maschile ad Adolfo VainiAdolfo Vaini (Alfred Doolittle) per aver «... dato vita a un personaggio divertente e sopra le righe, che pur contestando le regole morali della società del suo tempo, in effetti si dimostra padrone di sé, determinato nel suo agire e capace con intelligenza e furbizia di approfittare delle circostanze che il caso gli offre per ottenere un salto sociale che lo soddisfa esteriormente, consentendogli anche di vendicarsi dei tanti soprusi ricevuti»; premio per la migliore scenografia, creata dal trio Fusari-Pizzoli-Zolin: «L’impianto scenico risolve con intelligenza e originalità le difficoltà prodotte dal testo. Attraverso soluzioni giocose e nello stesso tempo aderenti a un’idea contemporanea di scenografia, vengono illustrate tutte le diverse situazioni proposte dal lavoro, tra didascalia e astrazione». Inoltre, nomination per la regista Maria Grazia Bettini. E non basta: terzo gradino per la Compagnia mantovana sull’immaginario podio delle preferenze popolari. Un risultato di grandissimo rilievo che premia una delle formazioni di maggior prestigio nel ricco panorama del teatro amatoriale italiano. Ogni sua esibizione sulla scena della manifestazione maceratese è stata accolta sempre con grande favore dal pubblico.


 



Cm cronachemaceratesi.it
giovedì 14 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

Il “Pigmalione” dell’Accademia Campogalliani

MACERATA TEATRO - Al «Lauro Rossi» è andato in scena il capolavoro di George Barnard Shaw


di Walter Cortella
Il cartellone del 45o Festival Macerata Teatro, dopo la commedia contemporanea, vagamente tinta di giallo, Tressette con il morto di Gerry Petrosino, torna al teatro classico proponendo Pigmalione, di George Bernard Shaw, nell’allestimento dell’«Accademia F. Campogalliani» di Mantova, per la regia di Maria Grazia Bettini.
In questa celebre commedia l’autore affronta temi a lui molto cari, come la lotta di classe, l’emancipazione femminile, la fonetica e la superficialità dell’alta borghesia, ma forse il nodo centrale intorno al quale ruota tutta la vicenda è la manipolazione operata da sempre dall’uomo a danno dei suoi simili.

Nel caso specifico,
il prof. Higgins, illustre studioso di fonetica, colpito dai modi rudi e dal linguaggio a dir poco pittoresco di Elisa Doolittle, una umile fioraia incontrata casualmente in una serata di pioggia sul marciapiedi antistante un teatro londinese, decide di impartirle lezioni private per farle acquisire buone maniere e un linguaggio più corretto. È convinto che nel giro di soli sei mesi riuscirà a introdurla addirittura a corte. Non c’è che dire, una bella pretesa! Un esperimento intrigante! In realtà, il suo ambizioso progetto nasconde tra le pieghe un risultato secondario non del tutto condivisibile. Va bene l’elevamento culturale delle persone, ma fino a qual punto è lecito togliere qualcuno dalla strada, “ripulirlo” in tutti sensi, fargli conoscere nuovi stili di vita, assaporare solo per un breve tempo i piaceri e i lussi di un mondo del tutto diverso dal suo per poi abbandonarlo al suo destino? Che cosa ne sarà di lui una volta concluso l’esperimento? Riuscirà a farsi accettare nei nuovi ambienti sociali o dovrà rientrare sconfitto nel suo habitat naturale, nel quale si sentirà non più comunque a suo agio?

Di primo acchito non è facile dare una risposta a questa domanda, ma è grave che il cinico prof. Higgins di Shaw non si ponga assolutamente il quesito, nemmeno quando l’onesto colonnello Pickering, suo estimatore ed entusiasta partner nell’esperimento, lo induce a riflettere sulla liceità della sua operazione socio-culturale. A Higgins non interessa affatto il futuro della sua allieva, è un argomento che non lo sfiora minimamente. E invece dovrebbe farlo riflettere.Lui, egoista, narcisista e cinico, vuol ad ogni costo vincere la scommessa che ha fatto in fondo con se stesso: plasmare una nuova creatura, più nobile dell’originale,almeno all’apparenza, per far rivivere così nel XX secolo il mito del Pigmalione di Ovidio. Mutatis mutandis, è ciò che accade quando un pover’uomo, confinato nel ghetto dell’indigenza, vince improvvisamente uno di quei ricchissimi jackpot a sei zeri! Quale stravolgimenti può indurre nella sua esistenza una simile vincita inattesa, anche se in segreto sempre desiderata? Non è facile fare previsioni, è vero, ma l’esperienza ci dice che quei neo-ricchi hanno in seguito pagato a caro prezzo tanta fortuna. Il  buon senso dovrebbe illuminare chi di dovere! Ma torniamo alla commedia, proposta nella traduzione di Luigi Lunari nella quale, finalmente, la simpatica Doolittle parla un cockney made in Italy, ovvero un italiano infarcito di errori sintattici, di espressioni grevi e di termini scurrili, tipico di un strato sociale di bassa levatura, eliminando una grossa e ridicola incongruenza, quella di sentire una fioraia inglese di nome Doolittle che a Londra si rivolge a persone naturalmente anch’esse inglesi, in un improbabile lingua dalla cadenza pugliese o ciociara.

Inammissibile! In questo modo, il Pigmalione di Lunari è chiaramente più gradevole e credibile.Grazie, Lunari. La commedia è giocata sul filo dell’umorismo più raffinato, dall’inizio alla fine. Ottima l’interpretazione di tutti i componenti del cast, a cominciare da Diego Fusari, il cinico e «odioso» prof. Higgins, sempre sicuro di sé sulla scena. Una riuscita caratterizzazione, la sua. Accanto a lui, una graziosa Rossella Avanzi, convincente sia nel ruolo dell’umile fioraia che in quella di nuova lady. Ha saputo rendere appieno la «metamorfosi» operata in lei dal celebre linguista. Mario Zolin, impeccabile nel ruolo del colonnello Pickering, un ufficiale d’altri tempi, con il suo aplomb d’alta scuola. E che dire di Francesca Campogalliani? Perfetta nei panni della signora Higgins, dolce con gli ospiti e severa con il bizzoso e viziato figlio. Sempre pacata e raffinata nelle movenze. Adolfo Vaini ha il merito di aver conferito grande calore umano al rude ma simpatico Alfred Doolittle, più incline alla sana e godereccia vita delle osterie che a quella «ingessata» del nuovo ricco. Impeccabile la sua interpretazione. Bravi anche tutti gli altri elementi del cast, ma vorrei citare in particolare Antonella Farina. Austera nel tratto ma elegante nelle movenze, ha dato vita ad una perfetta signora Pearce, la governante di casa Higgins.E la scenografia del trio Fusari-Pizzoli-Zolin? Originale, semplice e raffinata: niente suppellettili ridondanti, ma leggeri disegni su pannelli mobili e sedie bianche, ad evocare un sobrio arredamento in stile Chippendale. I vari cambi di scena sono stati eseguiti tutti «a vista» dagli stessi protagonisti, con eleganti movimenti coreografici. Un vero tocco di classe. Infine un commento sui costumi, opera di Francesca Campogalliani e Diego Fusari: deliziosi, ricercati e ricchi. Numerosi e di raffinata fattura. Onori alla sartoria Costa Pereira. Con questo Pigmalione di così alto livello artistico, diretto con collaudata perizia da Maria Grazia Bettini, l’«Accademia Campogalliani», da sempre «punto di forza» della kermesse maceratese, si conferma come una delle migliori compagnie amatoriali italiane.
(Foto di Maurizio Iesari)

 

il «Pigmalione»Rossella Avanzi «lady Doolittle»Rossella Avanzi «Elisa Doolittle»Adolfo Vaini «Alfred Doolittle»
10 nov

Adolfo Vaini

  • Migliore caratterizzazione maschile
  • 45ª RASSEGNA NAZIONALE “A. PERUGINI”
  • Teatro Lauro Rossi
    MACERATA
  • domenica 10 novembre 2013
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
Ha dato vita ad un personaggio divertente sopra le righe, che pur contestando le regole morali della società del suo tempo, in effetti si dimostra padrone di sé, determinato nel suo agire e capace con intelligenza e furbizia di approfittare delle circostanze che il Caso gli offre per ottenere un salto sociale che lo soddisfa esteriormente, consentendogli anche di vendicarsi dei tanti soprusi ricevuti.

CM cronachemaceratesi.it
mercoledì 27 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

«Pigmalione» asso pigliatutto


Si aggiudica numerosi premi al 45o Festival Macerata Teatro


mercoledì 27 novembre 2013


di Walter Cortella


Francesca CampogallianiOrmai il 45o Festival Macerata Teatro appartiene al passato. I riflettori del «L.Rossi» sono spenti ma è ancora viva l’eco degli applausi con i quali il pubblico ha salutato, nel corso della cerimonia di premiazione, i rappresentanti delle Compagnie partecipanti. Diciamo subito che l’edizione 2013 della riuscita kermesse maceratese ha visto il trionfo indiscusso dell’«Accademia F.Campogalliani» di Mantova che con il suo Pigmalione di G. B. Shaw si è aggiudicato ben cinque premi. 
La giuria di esperti le ha assegnato il prestigioso trofeo «A.Perugini», destinato al migliore spettacolo, con la seguente motivazione: «Lo spettacolo restituisce le giuste e coinvolgenti atmosfere della Londra vittoriana, attraverso il recupero di ogni dettaglio. Si misurano due mondi: quello emarginato, che risulterà vincente, e quello falsamente aristocratico che dovrà, suo malgrado, adattarsi alle nuove realtà. Una vicenda raccontata in una sintesi artistica felice che illustra, come in un dipinto, i tempi, i ritmi, i contrasti di pensiero del miglior teatro classico».

Il miglior attore Diego FusariA corollario di questo riconoscimento, ci sono gli altri premi: miglior attore a Diego Fusari per la sua superlativa interpretazione del professor Higgins: «Protagonista di una performance che restituisce un personaggio prigioniero dell’aplomb britannico, che solo alla fine rivela la sua umanità, disposto a ripensare la propria esistenza, fino a quel momento riempita soltanto dalle gratificazioni personali di una cultura d’élite. Un’interpretazione costruita su tempi, ritmi e toni perfetti»; premio per la migliore attrice a Francesca Campogalliani, nel ruolo della raffinata madre dell’illustre linguista per aver «... saputo tratteggiare con assoluta e magnetica padronanza della scena un personaggio solo apparentemente uguale a se stesso, che unitamente alla giovane protagonista ha contribuito a sfaldare le certezze di un’epoca e di un mondo. Ancora una volta ha dimostrato qualità interpretative che esaltano tutta la sua lunga storia sul palcoscenico»; migliore caratterizzazione maschile ad Adolfo VainiAdolfo Vaini (Alfred Doolittle) per aver «... dato vita a un personaggio divertente e sopra le righe, che pur contestando le regole morali della società del suo tempo, in effetti si dimostra padrone di sé, determinato nel suo agire e capace con intelligenza e furbizia di approfittare delle circostanze che il caso gli offre per ottenere un salto sociale che lo soddisfa esteriormente, consentendogli anche di vendicarsi dei tanti soprusi ricevuti»; premio per la migliore scenografia, creata dal trio Fusari-Pizzoli-Zolin: «L’impianto scenico risolve con intelligenza e originalità le difficoltà prodotte dal testo. Attraverso soluzioni giocose e nello stesso tempo aderenti a un’idea contemporanea di scenografia, vengono illustrate tutte le diverse situazioni proposte dal lavoro, tra didascalia e astrazione». Inoltre, nomination per la regista Maria Grazia Bettini. E non basta: terzo gradino per la Compagnia mantovana sull’immaginario podio delle preferenze popolari. Un risultato di grandissimo rilievo che premia una delle formazioni di maggior prestigio nel ricco panorama del teatro amatoriale italiano. Ogni sua esibizione sulla scena della manifestazione maceratese è stata accolta sempre con grande favore dal pubblico.


 



Cm cronachemaceratesi.it
giovedì 14 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

Il “Pigmalione” dell’Accademia Campogalliani

MACERATA TEATRO - Al «Lauro Rossi» è andato in scena il capolavoro di George Barnard Shaw


di Walter Cortella
Il cartellone del 45o Festival Macerata Teatro, dopo la commedia contemporanea, vagamente tinta di giallo, Tressette con il morto di Gerry Petrosino, torna al teatro classico proponendo Pigmalione, di George Bernard Shaw, nell’allestimento dell’«Accademia F. Campogalliani» di Mantova, per la regia di Maria Grazia Bettini.
In questa celebre commedia l’autore affronta temi a lui molto cari, come la lotta di classe, l’emancipazione femminile, la fonetica e la superficialità dell’alta borghesia, ma forse il nodo centrale intorno al quale ruota tutta la vicenda è la manipolazione operata da sempre dall’uomo a danno dei suoi simili.

Nel caso specifico,
il prof. Higgins, illustre studioso di fonetica, colpito dai modi rudi e dal linguaggio a dir poco pittoresco di Elisa Doolittle, una umile fioraia incontrata casualmente in una serata di pioggia sul marciapiedi antistante un teatro londinese, decide di impartirle lezioni private per farle acquisire buone maniere e un linguaggio più corretto. È convinto che nel giro di soli sei mesi riuscirà a introdurla addirittura a corte. Non c’è che dire, una bella pretesa! Un esperimento intrigante! In realtà, il suo ambizioso progetto nasconde tra le pieghe un risultato secondario non del tutto condivisibile. Va bene l’elevamento culturale delle persone, ma fino a qual punto è lecito togliere qualcuno dalla strada, “ripulirlo” in tutti sensi, fargli conoscere nuovi stili di vita, assaporare solo per un breve tempo i piaceri e i lussi di un mondo del tutto diverso dal suo per poi abbandonarlo al suo destino? Che cosa ne sarà di lui una volta concluso l’esperimento? Riuscirà a farsi accettare nei nuovi ambienti sociali o dovrà rientrare sconfitto nel suo habitat naturale, nel quale si sentirà non più comunque a suo agio?

Di primo acchito non è facile dare una risposta a questa domanda, ma è grave che il cinico prof. Higgins di Shaw non si ponga assolutamente il quesito, nemmeno quando l’onesto colonnello Pickering, suo estimatore ed entusiasta partner nell’esperimento, lo induce a riflettere sulla liceità della sua operazione socio-culturale. A Higgins non interessa affatto il futuro della sua allieva, è un argomento che non lo sfiora minimamente. E invece dovrebbe farlo riflettere.Lui, egoista, narcisista e cinico, vuol ad ogni costo vincere la scommessa che ha fatto in fondo con se stesso: plasmare una nuova creatura, più nobile dell’originale,almeno all’apparenza, per far rivivere così nel XX secolo il mito del Pigmalione di Ovidio. Mutatis mutandis, è ciò che accade quando un pover’uomo, confinato nel ghetto dell’indigenza, vince improvvisamente uno di quei ricchissimi jackpot a sei zeri! Quale stravolgimenti può indurre nella sua esistenza una simile vincita inattesa, anche se in segreto sempre desiderata? Non è facile fare previsioni, è vero, ma l’esperienza ci dice che quei neo-ricchi hanno in seguito pagato a caro prezzo tanta fortuna. Il  buon senso dovrebbe illuminare chi di dovere! Ma torniamo alla commedia, proposta nella traduzione di Luigi Lunari nella quale, finalmente, la simpatica Doolittle parla un cockney made in Italy, ovvero un italiano infarcito di errori sintattici, di espressioni grevi e di termini scurrili, tipico di un strato sociale di bassa levatura, eliminando una grossa e ridicola incongruenza, quella di sentire una fioraia inglese di nome Doolittle che a Londra si rivolge a persone naturalmente anch’esse inglesi, in un improbabile lingua dalla cadenza pugliese o ciociara.

Inammissibile! In questo modo, il Pigmalione di Lunari è chiaramente più gradevole e credibile.Grazie, Lunari. La commedia è giocata sul filo dell’umorismo più raffinato, dall’inizio alla fine. Ottima l’interpretazione di tutti i componenti del cast, a cominciare da Diego Fusari, il cinico e «odioso» prof. Higgins, sempre sicuro di sé sulla scena. Una riuscita caratterizzazione, la sua. Accanto a lui, una graziosa Rossella Avanzi, convincente sia nel ruolo dell’umile fioraia che in quella di nuova lady. Ha saputo rendere appieno la «metamorfosi» operata in lei dal celebre linguista. Mario Zolin, impeccabile nel ruolo del colonnello Pickering, un ufficiale d’altri tempi, con il suo aplomb d’alta scuola. E che dire di Francesca Campogalliani? Perfetta nei panni della signora Higgins, dolce con gli ospiti e severa con il bizzoso e viziato figlio. Sempre pacata e raffinata nelle movenze. Adolfo Vaini ha il merito di aver conferito grande calore umano al rude ma simpatico Alfred Doolittle, più incline alla sana e godereccia vita delle osterie che a quella «ingessata» del nuovo ricco. Impeccabile la sua interpretazione. Bravi anche tutti gli altri elementi del cast, ma vorrei citare in particolare Antonella Farina. Austera nel tratto ma elegante nelle movenze, ha dato vita ad una perfetta signora Pearce, la governante di casa Higgins.E la scenografia del trio Fusari-Pizzoli-Zolin? Originale, semplice e raffinata: niente suppellettili ridondanti, ma leggeri disegni su pannelli mobili e sedie bianche, ad evocare un sobrio arredamento in stile Chippendale. I vari cambi di scena sono stati eseguiti tutti «a vista» dagli stessi protagonisti, con eleganti movimenti coreografici. Un vero tocco di classe. Infine un commento sui costumi, opera di Francesca Campogalliani e Diego Fusari: deliziosi, ricercati e ricchi. Numerosi e di raffinata fattura. Onori alla sartoria Costa Pereira. Con questo Pigmalione di così alto livello artistico, diretto con collaudata perizia da Maria Grazia Bettini, l’«Accademia Campogalliani», da sempre «punto di forza» della kermesse maceratese, si conferma come una delle migliori compagnie amatoriali italiane.
(Foto di Maurizio Iesari)

 

il «Pigmalione»Rossella Avanzi «lady Doolittle»Rossella Avanzi «Elisa Doolittle»Adolfo Vaini «Alfred Doolittle»
10 nov

Diego Fusari
Daniele Pizzoli
Mario Zolin

  • Migliore scenografia
  • 45ª RASSEGNA NAZIONALE “A. PERUGINI”
  • Teatro Lauro Rossi
    MACERATA
  • domenica 10 novembre 2013
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
Hanno risolto con intelligenza e originalità le difficoltà prodotte dal testo. Attraverso soluzioni giocose e nello stesso tempo aderenti a un’idea contemporanea di scenografia, vengono illustrate tutte le diverse situazioni proposte dal lavoro, tra didascalia e astrazione.

CM cronachemaceratesi.it
mercoledì 27 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

«Pigmalione» asso pigliatutto


Si aggiudica numerosi premi al 45o Festival Macerata Teatro


mercoledì 27 novembre 2013


di Walter Cortella


Francesca CampogallianiOrmai il 45o Festival Macerata Teatro appartiene al passato. I riflettori del «L.Rossi» sono spenti ma è ancora viva l’eco degli applausi con i quali il pubblico ha salutato, nel corso della cerimonia di premiazione, i rappresentanti delle Compagnie partecipanti. Diciamo subito che l’edizione 2013 della riuscita kermesse maceratese ha visto il trionfo indiscusso dell’«Accademia F.Campogalliani» di Mantova che con il suo Pigmalione di G. B. Shaw si è aggiudicato ben cinque premi. 
La giuria di esperti le ha assegnato il prestigioso trofeo «A.Perugini», destinato al migliore spettacolo, con la seguente motivazione: «Lo spettacolo restituisce le giuste e coinvolgenti atmosfere della Londra vittoriana, attraverso il recupero di ogni dettaglio. Si misurano due mondi: quello emarginato, che risulterà vincente, e quello falsamente aristocratico che dovrà, suo malgrado, adattarsi alle nuove realtà. Una vicenda raccontata in una sintesi artistica felice che illustra, come in un dipinto, i tempi, i ritmi, i contrasti di pensiero del miglior teatro classico».

Il miglior attore Diego FusariA corollario di questo riconoscimento, ci sono gli altri premi: miglior attore a Diego Fusari per la sua superlativa interpretazione del professor Higgins: «Protagonista di una performance che restituisce un personaggio prigioniero dell’aplomb britannico, che solo alla fine rivela la sua umanità, disposto a ripensare la propria esistenza, fino a quel momento riempita soltanto dalle gratificazioni personali di una cultura d’élite. Un’interpretazione costruita su tempi, ritmi e toni perfetti»; premio per la migliore attrice a Francesca Campogalliani, nel ruolo della raffinata madre dell’illustre linguista per aver «... saputo tratteggiare con assoluta e magnetica padronanza della scena un personaggio solo apparentemente uguale a se stesso, che unitamente alla giovane protagonista ha contribuito a sfaldare le certezze di un’epoca e di un mondo. Ancora una volta ha dimostrato qualità interpretative che esaltano tutta la sua lunga storia sul palcoscenico»; migliore caratterizzazione maschile ad Adolfo VainiAdolfo Vaini (Alfred Doolittle) per aver «... dato vita a un personaggio divertente e sopra le righe, che pur contestando le regole morali della società del suo tempo, in effetti si dimostra padrone di sé, determinato nel suo agire e capace con intelligenza e furbizia di approfittare delle circostanze che il caso gli offre per ottenere un salto sociale che lo soddisfa esteriormente, consentendogli anche di vendicarsi dei tanti soprusi ricevuti»; premio per la migliore scenografia, creata dal trio Fusari-Pizzoli-Zolin: «L’impianto scenico risolve con intelligenza e originalità le difficoltà prodotte dal testo. Attraverso soluzioni giocose e nello stesso tempo aderenti a un’idea contemporanea di scenografia, vengono illustrate tutte le diverse situazioni proposte dal lavoro, tra didascalia e astrazione». Inoltre, nomination per la regista Maria Grazia Bettini. E non basta: terzo gradino per la Compagnia mantovana sull’immaginario podio delle preferenze popolari. Un risultato di grandissimo rilievo che premia una delle formazioni di maggior prestigio nel ricco panorama del teatro amatoriale italiano. Ogni sua esibizione sulla scena della manifestazione maceratese è stata accolta sempre con grande favore dal pubblico.


 



Cm cronachemaceratesi.it
giovedì 14 novembre 2013
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 

Il “Pigmalione” dell’Accademia Campogalliani

MACERATA TEATRO - Al «Lauro Rossi» è andato in scena il capolavoro di George Barnard Shaw


di Walter Cortella
Il cartellone del 45o Festival Macerata Teatro, dopo la commedia contemporanea, vagamente tinta di giallo, Tressette con il morto di Gerry Petrosino, torna al teatro classico proponendo Pigmalione, di George Bernard Shaw, nell’allestimento dell’«Accademia F. Campogalliani» di Mantova, per la regia di Maria Grazia Bettini.
In questa celebre commedia l’autore affronta temi a lui molto cari, come la lotta di classe, l’emancipazione femminile, la fonetica e la superficialità dell’alta borghesia, ma forse il nodo centrale intorno al quale ruota tutta la vicenda è la manipolazione operata da sempre dall’uomo a danno dei suoi simili.

Nel caso specifico,
il prof. Higgins, illustre studioso di fonetica, colpito dai modi rudi e dal linguaggio a dir poco pittoresco di Elisa Doolittle, una umile fioraia incontrata casualmente in una serata di pioggia sul marciapiedi antistante un teatro londinese, decide di impartirle lezioni private per farle acquisire buone maniere e un linguaggio più corretto. È convinto che nel giro di soli sei mesi riuscirà a introdurla addirittura a corte. Non c’è che dire, una bella pretesa! Un esperimento intrigante! In realtà, il suo ambizioso progetto nasconde tra le pieghe un risultato secondario non del tutto condivisibile. Va bene l’elevamento culturale delle persone, ma fino a qual punto è lecito togliere qualcuno dalla strada, “ripulirlo” in tutti sensi, fargli conoscere nuovi stili di vita, assaporare solo per un breve tempo i piaceri e i lussi di un mondo del tutto diverso dal suo per poi abbandonarlo al suo destino? Che cosa ne sarà di lui una volta concluso l’esperimento? Riuscirà a farsi accettare nei nuovi ambienti sociali o dovrà rientrare sconfitto nel suo habitat naturale, nel quale si sentirà non più comunque a suo agio?

Di primo acchito non è facile dare una risposta a questa domanda, ma è grave che il cinico prof. Higgins di Shaw non si ponga assolutamente il quesito, nemmeno quando l’onesto colonnello Pickering, suo estimatore ed entusiasta partner nell’esperimento, lo induce a riflettere sulla liceità della sua operazione socio-culturale. A Higgins non interessa affatto il futuro della sua allieva, è un argomento che non lo sfiora minimamente. E invece dovrebbe farlo riflettere.Lui, egoista, narcisista e cinico, vuol ad ogni costo vincere la scommessa che ha fatto in fondo con se stesso: plasmare una nuova creatura, più nobile dell’originale,almeno all’apparenza, per far rivivere così nel XX secolo il mito del Pigmalione di Ovidio. Mutatis mutandis, è ciò che accade quando un pover’uomo, confinato nel ghetto dell’indigenza, vince improvvisamente uno di quei ricchissimi jackpot a sei zeri! Quale stravolgimenti può indurre nella sua esistenza una simile vincita inattesa, anche se in segreto sempre desiderata? Non è facile fare previsioni, è vero, ma l’esperienza ci dice che quei neo-ricchi hanno in seguito pagato a caro prezzo tanta fortuna. Il  buon senso dovrebbe illuminare chi di dovere! Ma torniamo alla commedia, proposta nella traduzione di Luigi Lunari nella quale, finalmente, la simpatica Doolittle parla un cockney made in Italy, ovvero un italiano infarcito di errori sintattici, di espressioni grevi e di termini scurrili, tipico di un strato sociale di bassa levatura, eliminando una grossa e ridicola incongruenza, quella di sentire una fioraia inglese di nome Doolittle che a Londra si rivolge a persone naturalmente anch’esse inglesi, in un improbabile lingua dalla cadenza pugliese o ciociara.

Inammissibile! In questo modo, il Pigmalione di Lunari è chiaramente più gradevole e credibile.Grazie, Lunari. La commedia è giocata sul filo dell’umorismo più raffinato, dall’inizio alla fine. Ottima l’interpretazione di tutti i componenti del cast, a cominciare da Diego Fusari, il cinico e «odioso» prof. Higgins, sempre sicuro di sé sulla scena. Una riuscita caratterizzazione, la sua. Accanto a lui, una graziosa Rossella Avanzi, convincente sia nel ruolo dell’umile fioraia che in quella di nuova lady. Ha saputo rendere appieno la «metamorfosi» operata in lei dal celebre linguista. Mario Zolin, impeccabile nel ruolo del colonnello Pickering, un ufficiale d’altri tempi, con il suo aplomb d’alta scuola. E che dire di Francesca Campogalliani? Perfetta nei panni della signora Higgins, dolce con gli ospiti e severa con il bizzoso e viziato figlio. Sempre pacata e raffinata nelle movenze. Adolfo Vaini ha il merito di aver conferito grande calore umano al rude ma simpatico Alfred Doolittle, più incline alla sana e godereccia vita delle osterie che a quella «ingessata» del nuovo ricco. Impeccabile la sua interpretazione. Bravi anche tutti gli altri elementi del cast, ma vorrei citare in particolare Antonella Farina. Austera nel tratto ma elegante nelle movenze, ha dato vita ad una perfetta signora Pearce, la governante di casa Higgins.E la scenografia del trio Fusari-Pizzoli-Zolin? Originale, semplice e raffinata: niente suppellettili ridondanti, ma leggeri disegni su pannelli mobili e sedie bianche, ad evocare un sobrio arredamento in stile Chippendale. I vari cambi di scena sono stati eseguiti tutti «a vista» dagli stessi protagonisti, con eleganti movimenti coreografici. Un vero tocco di classe. Infine un commento sui costumi, opera di Francesca Campogalliani e Diego Fusari: deliziosi, ricercati e ricchi. Numerosi e di raffinata fattura. Onori alla sartoria Costa Pereira. Con questo Pigmalione di così alto livello artistico, diretto con collaudata perizia da Maria Grazia Bettini, l’«Accademia Campogalliani», da sempre «punto di forza» della kermesse maceratese, si conferma come una delle migliori compagnie amatoriali italiane.
(Foto di Maurizio Iesari)

 

il «Pigmalione»Rossella Avanzi «lady Doolittle»Rossella Avanzi «Elisa Doolittle»Adolfo Vaini «Alfred Doolittle»
4 ott

Francesca Campogalliani
Diego Fusari
Daniele Pizzoli
Mario Zolin

  • ’ALCIBIADE DELLA CHIARA’ per la migliore scenografia e costumi
  • 66º Festival Nazionale d’Arte Drammatica
  • Pesaro
  • venerdì 4 ottobre 2013
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
Per aver creato con pochi ed eleganti elementi le atmosfere di una Londra inizio ’900, caotica e bagnata dalla pioggia, e descritto gli interni con originali e snelle scenografie bianche serigrafate; bellissimi anche i costumi.

...

11 mag

Acc. Campogalliani

  • Attribuito ai vincitori della Maschera d’Oro Fita.
  • 19º PREMIO FABER CONFARTIGIANATO
  • Vicenza
  • sabato 11 maggio 2013
 
23 mar

Acc. Campogalliani

  • Maschera d’oro: MIGLIORE COMPAGNIA
  • 25ª MASCHERA D’ORO
  • Teatro San Marco
    Vicenza
  • sabato 23 marzo 2013
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
Un sapiente segno stilistico caratterizza questo "Pigmalione" che la compagnia riesce o realizzare puntando direttamente su un’eleganza mai fine a se stessa, ma attenta piuttosto a mantenere nella rappresentazione il gusto del dialogo e della battuta, la vivacità dei personaggi, l’intelligenza e la leggerezza, ma anche une vena di nostalgia.
Tutto concorre a ritrovare ancora oggi il sopore e il fascino di una commedia che poco ha perduto del suo smalto e del suo virtuosismo linguistico: attori ben calati nel ruolo e sempre persuasivi, due straordinari protagonisti, costumi splendidi, un allestimenta scenico giocato sull’allusione piuttosto che sulla maniera, una tenuta del palcoscenico che non conosce mai una pausa o un’incertezza e il sorriso sapiente del teatro, quello vero.

SCENA - Notizie U.I.L.T. n. 73
lunedì 1 luglio 2013
Logo SCENA SCENA - Notizie U.I.L.T. n. 70
 

PREMIO ALLA CARRI ERA PER
FRANCESCA CAMPOGALLIANI


Grande successo per l’ACCADEMIA “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” al Teatro Olimpico di Vicenza con lo spettacolo “Pigmalione”/strong> di George Bernard Shaw, nella traduzione italiana del drammaturgo Luigi Lunari. Con questa messa in scena, diretta da Maria Grazia Bettini, la storica compagnia mantovana si è aggiudicata, per la terza volta, la vittoria del Festival nazionale Maschera d’Oro e il Premio Faber e con ciò l’opportunità di presentare il proprio spettacolo sul palcoscenico del più antico teatro coperto del mondo, gioiello cinquecentesco nato dalla genialità di Andrea Palladio e Vincenzo Scamozzi.
L’ACCADEMIA “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” ha proposto un “Pigmalione” di grande raffinatezza stilistica, elegante e misurato, capace di mantenere in equilibrio la vena brillante del testo di Shaw e i suoi affondi di critica alla società superficiale e finta del suo (ma anche del nostro) tempo. La mano sicura di Maria Grazia Bettini ha mosso gli attori in modo tale da farne risaltare sia l’armonia corale sia le individualità, con Diego Fusari (Higgins), Rossella Avanzi (Elisa), Mario Zolin (Pickering) e Adolfo Vaini (Doolittle) nei ruoli principali. Tra loro anche Francesca Campogalliani, nella parte dell’energica madre del professore che, per scommessa, trasforma una povera e rozza fioraia in una signora dell’alta società. All’attrice, in particolare, la giuria del festival ha voluto assegnare un Premio speciale alla carriera, per la passione che da sempre la unisce al teatro.

ACCADEMIA TEATRALE “FRANCESCO CAMPOGALLIANI”
Teatrino di Palazzo D’Arco
Piazza D’Arco, 2 - 46100 Mantova
tel. e fax 0376.325363
teatro.campogalliani@libero.it
www.teatro-campogalliani.it


L’ACCADEMIA TEATRALE “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” in Pigmalione L’ACCADEMIA TEATRALE “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” in Pigmalione

23 mar

Maria Grazia Bettini

  • Maschera d’oro: MIGLIORE REGIA
  • 25ª MASCHERA D’ORO
  • Teatro San Marco
    Vicenza
  • sabato 23 marzo 2013
 

Pigmalione

MOTIVAZIONE:
Fin dalla prima scene, quegli ombrelli tutti aperti che si sfiorano senza toccorsi mai evidenziano lo stile registico che Maria Grazia Bettini ha dato a questo allestimento di un’eleganza e di un fascino innegabili, tutto giocato sulla precisione e l’intelligenza, così come sulla continuità della recitazione e dei sentimenti.
Nell’andare e venire dall’irsuto grammelot della protagonista alla lingua sofisticata del salotto, la regista fa tesoro dell’ efficace versione italiana di Luigi Lunari, riuscendo altresì a cogliere nella loro interezze le contraddizioni delle relazioni umane e a dare senso ulteriore alla misoginia del linguista scapolo e ancora immaturo sentimentalmente.
E qui entrano in campo la sapiente direzione degli attori e il rapporto con lo spazio scenico, non perdendo mai di vista l’interazione su cui si regge questo perfetta commedia.

SCENA - Notizie U.I.L.T. n. 73
lunedì 1 luglio 2013
Logo SCENA SCENA - Notizie U.I.L.T. n. 70
 

PREMIO ALLA CARRI ERA PER
FRANCESCA CAMPOGALLIANI


Grande successo per l’ACCADEMIA “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” al Teatro Olimpico di Vicenza con lo spettacolo “Pigmalione”/strong> di George Bernard Shaw, nella traduzione italiana del drammaturgo Luigi Lunari. Con questa messa in scena, diretta da Maria Grazia Bettini, la storica compagnia mantovana si è aggiudicata, per la terza volta, la vittoria del Festival nazionale Maschera d’Oro e il Premio Faber e con ciò l’opportunità di presentare il proprio spettacolo sul palcoscenico del più antico teatro coperto del mondo, gioiello cinquecentesco nato dalla genialità di Andrea Palladio e Vincenzo Scamozzi.
L’ACCADEMIA “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” ha proposto un “Pigmalione” di grande raffinatezza stilistica, elegante e misurato, capace di mantenere in equilibrio la vena brillante del testo di Shaw e i suoi affondi di critica alla società superficiale e finta del suo (ma anche del nostro) tempo. La mano sicura di Maria Grazia Bettini ha mosso gli attori in modo tale da farne risaltare sia l’armonia corale sia le individualità, con Diego Fusari (Higgins), Rossella Avanzi (Elisa), Mario Zolin (Pickering) e Adolfo Vaini (Doolittle) nei ruoli principali. Tra loro anche Francesca Campogalliani, nella parte dell’energica madre del professore che, per scommessa, trasforma una povera e rozza fioraia in una signora dell’alta società. All’attrice, in particolare, la giuria del festival ha voluto assegnare un Premio speciale alla carriera, per la passione che da sempre la unisce al teatro.

ACCADEMIA TEATRALE “FRANCESCO CAMPOGALLIANI”
Teatrino di Palazzo D’Arco
Piazza D’Arco, 2 - 46100 Mantova
tel. e fax 0376.325363
teatro.campogalliani@libero.it
www.teatro-campogalliani.it


L’ACCADEMIA TEATRALE “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” in Pigmalione L’ACCADEMIA TEATRALE “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” in Pigmalione

23 mar

Francesca Campogalliani

  • Premio alla carriera
  • 25ª MASCHERA D’ORO
  • Teatro San Marco
    Vicenza
  • sabato 23 marzo 2013
 

Pigmalione

SCENA - Notizie U.I.L.T. n. 73
lunedì 1 luglio 2013
Logo SCENA SCENA - Notizie U.I.L.T. n. 70
 

PREMIO ALLA CARRI ERA PER
FRANCESCA CAMPOGALLIANI


Grande successo per l’ACCADEMIA “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” al Teatro Olimpico di Vicenza con lo spettacolo “Pigmalione”/strong> di George Bernard Shaw, nella traduzione italiana del drammaturgo Luigi Lunari. Con questa messa in scena, diretta da Maria Grazia Bettini, la storica compagnia mantovana si è aggiudicata, per la terza volta, la vittoria del Festival nazionale Maschera d’Oro e il Premio Faber e con ciò l’opportunità di presentare il proprio spettacolo sul palcoscenico del più antico teatro coperto del mondo, gioiello cinquecentesco nato dalla genialità di Andrea Palladio e Vincenzo Scamozzi.
L’ACCADEMIA “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” ha proposto un “Pigmalione” di grande raffinatezza stilistica, elegante e misurato, capace di mantenere in equilibrio la vena brillante del testo di Shaw e i suoi affondi di critica alla società superficiale e finta del suo (ma anche del nostro) tempo. La mano sicura di Maria Grazia Bettini ha mosso gli attori in modo tale da farne risaltare sia l’armonia corale sia le individualità, con Diego Fusari (Higgins), Rossella Avanzi (Elisa), Mario Zolin (Pickering) e Adolfo Vaini (Doolittle) nei ruoli principali. Tra loro anche Francesca Campogalliani, nella parte dell’energica madre del professore che, per scommessa, trasforma una povera e rozza fioraia in una signora dell’alta società. All’attrice, in particolare, la giuria del festival ha voluto assegnare un Premio speciale alla carriera, per la passione che da sempre la unisce al teatro.

ACCADEMIA TEATRALE “FRANCESCO CAMPOGALLIANI”
Teatrino di Palazzo D’Arco
Piazza D’Arco, 2 - 46100 Mantova
tel. e fax 0376.325363
teatro.campogalliani@libero.it
www.teatro-campogalliani.it


L’ACCADEMIA TEATRALE “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” in Pigmalione L’ACCADEMIA TEATRALE “FRANCESCO CAMPOGALLIANI” in Pigmalione

dic

Acc. Campogalliani

  • Primo premio della giuria
  • 3º TROFEO CATULLO Festival nazionale del teatro amatoriale
  • Palazzo dei congressi
    Sirmione Brescia
  • dicembre 2012
 

Il berretto a sonagli

 

 

...

dic

Acc. Campogalliani

  • Primo premio del pubblico
  • 3º TROFEO CATULLO Festival nazionale del teatro amatoriale
  • Palazzo dei congressi
    Sirmione Brescia
  • dicembre 2012
 

Il berretto a sonagli

 

 

...

giu

Acc. Campogalliani

  • Gradimento del pubblico
  • LA TORRE CHE RIDE Festival nazionale del Teatro brillante Spazio Gigli
  • Porto Recanati
  • giugno 2012
 
giu

Francesca Campogalliani

  • Migliore attrice
  • LA TORRE CHE RIDE Festival nazionale del Teatro brillante Spazio Gigli
  • Porto Recanati
  • giugno 2012
 
giu

Loredana Sartorello

  • Migliore attrice
  • LA TORRE CHE RIDE Festival nazionale del Teatro brillante Spazio Gigli
  • Porto Recanati
  • giugno 2012
 
giu

Gabriella Pezzoli

  • Migliore attrice
  • LA TORRE CHE RIDE Festival nazionale del Teatro brillante Spazio Gigli
  • Porto Recanati
  • giugno 2012
 
nov

Francesca Campogalliani
Loredana Sartorello
Gabriella Pezzoli

  • Migliore attrice
  • 43ª RASSEGNA NAZIONALE “A. PERUGINI”
  • Teatro Lauro Rossi
    MACERATA
  • novembre 2011
 

Il Clan delle Vedove

MOTIVAZIONE
"Le attrici si sono calate con pari efficacia e piacevolezza nei rispettivi personaggi, evidenziando indubbie capacità interpretative e notevole affiatamento sulla scena. Ciascuna di esse ha saputo mantenere le proprie peculiarità espressive contribuendo a dar vita a tre diversi caratteri di donne che affrontano l’"esser vedove" in modo amabilmente ironico e traggono dall’amicizia la capacità di reinventarsi con un sorriso."

CM cronachemaceratesi.it
martedì 15 novembre 2011
CM cronachemaceratesi.it la tua provincia in rete
 
15 novembre 2011

C’è allegria nel “Clan delle vedove”

Gradito ritorno della Compagnia mantovana al 43o Festival Macerata Teatro


Il clan delle vedovedi Walter Cortella

L’Accademia Campogalliani di Mantova approda ancora una volta al L. Rossi per presentare «Il clan delle vedove», una divertente commedia di Ginette Beauvais Garcin, scritta ormai venti anni fa, ma che a dispetto del tempo trascorso conserva ancora la freschezza e il brio di allora. Merito anche della regista Maria Grazia Bettini che ha saputo dare all’azione il giusto ritmo e i tempi della comicità.

La trama della commedia è semplice: un banale e ridicolo incidente domestico provoca la morte del marito di Rose (Francesca Campogalliani) che viene subito circondata dall’affetto di due amiche, anch’esse vedove, i cui mariti avevano a lungo coltivato relazioni extra coniugali. Nasce così un «clan» e le tre donne, dopo il primo comprensibile momento di dolore, decidono di riprendersi la loro vita, della quale i rispettivi mariti le avevano in qualche modo defraudate. Vogliono cambiar vita e con una buona dose di cinismo, capiscono che in fondo la condizione vedovile non è del tutto spiacevole. Si ripetono che è finito il tempo delle vedove inconsolabili, vestite perennemente a lutto e che è giunto il momento di vivere al meglio gli attimi fuggenti che la vita può ancora regalare. Fanno grandi progetti per riscattarsi dalla quotidianità della loro esistenza di mogli fedeli e dedite alle cure domestiche. Ma nel momento più bello, in cui quei progetti sembrano potersi realizzare, arriva il fulmine a ciel sereno. Dal nulla sbuca Sophie Clouzot (Antonella Farina), una donna giovane e procace, che senza preamboli dichiara di essere stata per anni l’amante del marito di Rose. E come se non bastasse, da quella relazione sono nate due gemelle. Per Rose, da sempre assolutamente certa della fedeltà del marito, questo è un duro colpo. Sophie e le figlie costituiscono, inoltre, un grave pericolo poiché avanzano diritti concreti sull’eredità dell’uomo. Ma come spesso accade in commedie del genere, c’è posto anche per l’amore: Pierre (Matteo Bertoni) il figlio unico di Jackie (Gabriella Pezzoli) si innamora di una delle gemelle. E poiché «buon sangue non mente», anche lui ha un’amante. Insomma, il tradimento la fa proprio da padrone in questa storia. Malgrado gli infruttuosi tentativi di ridare lustro alle loro vite, le tre vedove continuano a consolarsi a vicenda e a fare progetti. La più effervescente è Marcelle (Loredana Sartorello), sempre in cerca di nuove esperienze amorose. Ma la sua delusione è grande quando il suo uomo, Jean Julien (Adolfo Vaini), di ritorno da un viaggio a Casablanca, si ripresenta... vestito da donna. La commedia è molto divertente e ricca di gustose gags sempre garbate e nel finale c’è ancora spazio per un coup de théâtre: la povera Rose, ormai rassegnata ad avere una famiglia allargata, scopre che il ragazzino del palazzo accanto è un altro figlio illegittimo del marito.
Il cast, completamente al femminile, si avvale di tre protagoniste di prim’ordine (nella foto, Campogalliani, Pezzoli e Sartorello), da sempre punti di forza della Compagnia, una delle più valide nel panorama del teatro amatoriale italiano. La loro alta professionalità ha reso più agevole il compito della regista che le ha lasciate libere nell’interpretazione dei singoli personaggi. Molto belli i costumi di Francesca Campogalliani e Diego Fusari, che ha curato anche la scenografia tradizionalmente borghese.

 

apr

  • Gradimento: 8.64
  • 30º Sipario d’oro
  • Lizzana - Rovereto
  • aprile 2011
 
feb

Rossella Avanzi

  • Migliore attrice
  • 23º Festival Nazionale “Maschera d’oro”
  • Teatro San Marco
    Vicenza
  • febbraio 2011
 

La fiaccola sotto il moggio

...

feb

Adolfo Vaini

  • Miglior caratterista
  • 23º Festival Nazionale “Maschera d’oro”
  • Teatro San Marco
    Vicenza
  • febbraio 2011
 

La fiaccola sotto il moggio

...

giu

Acc. Campogalliani

  • Primo classificato "GRADIMENTO DEL PUBBLICO"
  • TEATRIKA festival teatrale nazionale 3ª ed. Compagnia degli Evasi
  • Castelnuovo Magra (La Spezia)
  • giugno 2010
 

Nel nome del padre

La Gazzetta di Mantova
lunedì 12 luglio 2010

 

Campogalliani: nuovi riconoscimenti
Premiata anche Francesca Caprari

"Nel nome del padre", commedia di Luigi Lunari strettamente legata all’Accademia ‘Francesco Campogalliani’ di Mantova, che continua ad averla in cartellone ed a farla conoscere nel resto d’Italia.
Ultimo appuntamento: Teatrika, festival teatrale nazionale svoltosi a Castelnuovo Magra con la partecipazione di compagnie di Beverino (La Spezia), Folignano (Ascoli Piceno), ma anche Orbassano (Torino) e, fuori concorso, di Enrico Bonavera, l’Arlecchino ben conosciuto anche a Mantova.
Domenica 27 giugno era in calendario l’Accademia Campogalliani, che ha colpito ancora, raggiungendo una media-punteggio di 9,6 dalla giuria popolare. Ha ottenuto cosi il Premio Gradimento al miglior spettacolo, mentre Francesca Caprari (nella foto) ha vinto il premio della miglior attrice.
Ma, lo ricordiamo, gli spettatori non si sono limitati alla valutazione numerica, da 5 a 10, ma hanno lasciato sulle schede i loro giudizi, letti in sede di premiazione: “attori strepitosi” (l’altro protagonista è Claudio Soldà); “finalmente teatro bello, semplice, curato, emozionante”; “regia accurata e geniale” (di Aldo Signoretti); “il ritmo della recitazione non dà spazio a cali di tensione”; e ancora “duro lavoro per interpretarlo, essendo solo due sul palco”.
La macchina teatrale di “Nel nome del padre” è super-collaudata ed a Castelnuovo Magra ha funzionato, oltre con Caprari-Soldà-Signoretti, con Nicola Martinelli e Monica Volta (colonna sonora); Giorgio Ghiotti e Roberta Bonfiglio (luci e proiezioni); Ermanno Balestrieri (mixer sonoro); Fausta De Compadri (direzione di scena); Gerardo Vitale e Luigi Savioli (aiuti di palcoscenico).
Quanto al medagliere, podio più alto per giurie tecniche o popolari a Gorizia (2005); Nave (2006); Vicenza e Verona (2007); Pesaro e Imperia (2008) e ancora Verona (2010). Alle venti repliche a Mantova, l’Accademia Campogalliani ha aggiunto trasferte a Milano (cinque repliche), Bolzano, Montebelluna, Rivara Torinese, Canneto sull’Oglio, Pegognaga.
E fanno trentasette repliche, dato non certo frequente nel teatro amatoriale italiano. (rda)

giu

Francesca Caprari

  • Migliore attrice
  • TEATRIKA festival teatrale nazionale 3ª ed. Compagnia degli Evasi
  • Castelnuovo Magra (La Spezia)
  • giugno 2010
 

Nel nome del padre

La Gazzetta di Mantova
lunedì 12 luglio 2010

 

Campogalliani: nuovi riconoscimenti
Premiata anche Francesca Caprari

"Nel nome del padre", commedia di Luigi Lunari strettamente legata all’Accademia ‘Francesco Campogalliani’ di Mantova, che continua ad averla in cartellone ed a farla conoscere nel resto d’Italia.
Ultimo appuntamento: Teatrika, festival teatrale nazionale svoltosi a Castelnuovo Magra con la partecipazione di compagnie di Beverino (La Spezia), Folignano (Ascoli Piceno), ma anche Orbassano (Torino) e, fuori concorso, di Enrico Bonavera, l’Arlecchino ben conosciuto anche a Mantova.
Domenica 27 giugno era in calendario l’Accademia Campogalliani, che ha colpito ancora, raggiungendo una media-punteggio di 9,6 dalla giuria popolare. Ha ottenuto cosi il Premio Gradimento al miglior spettacolo, mentre Francesca Caprari (nella foto) ha vinto il premio della miglior attrice.
Ma, lo ricordiamo, gli spettatori non si sono limitati alla valutazione numerica, da 5 a 10, ma hanno lasciato sulle schede i loro giudizi, letti in sede di premiazione: “attori strepitosi” (l’altro protagonista è Claudio Soldà); “finalmente teatro bello, semplice, curato, emozionante”; “regia accurata e geniale” (di Aldo Signoretti); “il ritmo della recitazione non dà spazio a cali di tensione”; e ancora “duro lavoro per interpretarlo, essendo solo due sul palco”.
La macchina teatrale di “Nel nome del padre” è super-collaudata ed a Castelnuovo Magra ha funzionato, oltre con Caprari-Soldà-Signoretti, con Nicola Martinelli e Monica Volta (colonna sonora); Giorgio Ghiotti e Roberta Bonfiglio (luci e proiezioni); Ermanno Balestrieri (mixer sonoro); Fausta De Compadri (direzione di scena); Gerardo Vitale e Luigi Savioli (aiuti di palcoscenico).
Quanto al medagliere, podio più alto per giurie tecniche o popolari a Gorizia (2005); Nave (2006); Vicenza e Verona (2007); Pesaro e Imperia (2008) e ancora Verona (2010). Alle venti repliche a Mantova, l’Accademia Campogalliani ha aggiunto trasferte a Milano (cinque repliche), Bolzano, Montebelluna, Rivara Torinese, Canneto sull’Oglio, Pegognaga.
E fanno trentasette repliche, dato non certo frequente nel teatro amatoriale italiano. (rda)

feb

Gabriella Pezzoli

  • Migliore attrice caratterista
  • 22º Festival Nazionale “Maschera d’oro”
  • Teatro San Marco
    Vicenza
  • febbraio 2010
 

Scherzi d’amore in salsa tragica

Gazzetta di Mantova
mercoledì 31 marzo 2010
Logo Gazzetta di Mantova

 

Campogalliani da premio


M entre si stanno concludendo al Teatrino D’Arco le rappresentazioni dedicate agli autori contemporanei mantovani (da Una vita da cani di Giuliano Parenti a La regina e il suo giullare di Fausto Bertolini, ancora 4 repliche dal 10 al 18 aprile), la Campogalliani registra anche i successi ottenuti nelle rassegne teatrali a cui ha partecipato di recente con gli altri spettacoli del repertorio.


A Gorizia nel Festival Internazionale del Castello il dramma Foibe rosse di Frediano Sessi con la regia di Aldo Signoretti ha ricevuto il Premio speciale-Targa d’argento per «la coraggiosa scelta di affrontare vicende dolorose del nostro passato mantenendone viva la memoria e elevando il teatro alla sua vocazione naturale di alto impegno civile». A Verona, nel Teatro di S. Teresa, nella stagione ‘Ti aspetto a teatro’, la Campogalliani ha presentato il pluripremiato Nel nome del padre di Luigi Lunari, sempre con la regia di Signoretti e l’interpretazione di Claudio Soldà e Francesca Caprari, ottenendo i soli 2 premi in palio per il testo e per la sua realizzazione, entrambi assegnati con referendum del pubblico. Infine a Vicenza, per la rassegna ‘Maschera d’oro’ al Teatro S. Marco, il Cechov di Scherzi d’amore in salsa tragica diretto da Maria Grazia Bettini, ha ottenuto 10 nomination per le varie categorie di miglior spettacolo, regia, interpretazione e allestimento, da cui sono poi emersi 2 primi premi assoluti riconosciuti a Damiano Scaini (I danni del tabacco) e a Gabriella Pezzoli (L’orso). Una somma di riconoscimenti che va a riconfermare i meriti della compagnia, che sta ora preparandosi all’importante appuntamento del 24 aprile prossimo al Teatro Bibiena, dove, con la regia di Maria Grazia Bettini sarà rappresentato La fiaccola sotto il moggio di Gabriele D’Annunzio, quale manifestazione finale del Convegno di studi sul grande poeta organizzato dall’Accademia Nazionale Virgiliana. Ma la stagione per la Campogalliani non sarà ancora terminata in quanto porterà in scena per tre recite al Teatro Nuovo di Milano il suo spettacolo su Cechov, inserito nella Stagione ufficiale del noto Teatro milanese di piazza San Babila, dopo aver vinta la rassegna estiva del 2009 dedicata al teatro amatoriale, promossa dallo stesso teatro. E per finire, dopo i saggi della Scuola di teatro, chiuderà i battenti del Teatrino D’Arco con Nel nome del padre di Luigi Lunari il 18 e il 19 giugno per due rappresentazioni inserite nell’ambito del calendario degli spettacoli dell’Arlecchino d’oro 2010, organizzato dalla Fondazione Umberto Artioli-Mantova Capitale Europea dello Spettacolo.

feb

Damiano Scaini

  • Migliore attore caratterista
  • 22º Festival Nazionale “Maschera d’oro”
  • Teatro San Marco
    Vicenza
  • febbraio 2010
 

Scherzi d’amore in salsa tragica

Gazzetta di Mantova
mercoledì 31 marzo 2010
Logo Gazzetta di Mantova

 

Campogalliani da premio


M entre si stanno concludendo al Teatrino D’Arco le rappresentazioni dedicate agli autori contemporanei mantovani (da Una vita da cani di Giuliano Parenti a La regina e il suo giullare di Fausto Bertolini, ancora 4 repliche dal 10 al 18 aprile), la Campogalliani registra anche i successi ottenuti nelle rassegne teatrali a cui ha partecipato di recente con gli altri spettacoli del repertorio.


A Gorizia nel Festival Internazionale del Castello il dramma Foibe rosse di Frediano Sessi con la regia di Aldo Signoretti ha ricevuto il Premio speciale-Targa d’argento per «la coraggiosa scelta di affrontare vicende dolorose del nostro passato mantenendone viva la memoria e elevando il teatro alla sua vocazione naturale di alto impegno civile». A Verona, nel Teatro di S. Teresa, nella stagione ‘Ti aspetto a teatro’, la Campogalliani ha presentato il pluripremiato Nel nome del padre di Luigi Lunari, sempre con la regia di Signoretti e l’interpretazione di Claudio Soldà e Francesca Caprari, ottenendo i soli 2 premi in palio per il testo e per la sua realizzazione, entrambi assegnati con referendum del pubblico. Infine a Vicenza, per la rassegna ‘Maschera d’oro’ al Teatro S. Marco, il Cechov di Scherzi d’amore in salsa tragica diretto da Maria Grazia Bettini, ha ottenuto 10 nomination per le varie categorie di miglior spettacolo, regia, interpretazione e allestimento, da cui sono poi emersi 2 primi premi assoluti riconosciuti a Damiano Scaini (I danni del tabacco) e a Gabriella Pezzoli (L’orso). Una somma di riconoscimenti che va a riconfermare i meriti della compagnia, che sta ora preparandosi all’importante appuntamento del 24 aprile prossimo al Teatro Bibiena, dove, con la regia di Maria Grazia Bettini sarà rappresentato La fiaccola sotto il moggio di Gabriele D’Annunzio, quale manifestazione finale del Convegno di studi sul grande poeta organizzato dall’Accademia Nazionale Virgiliana. Ma la stagione per la Campogalliani non sarà ancora terminata in quanto porterà in scena per tre recite al Teatro Nuovo di Milano il suo spettacolo su Cechov, inserito nella Stagione ufficiale del noto Teatro milanese di piazza San Babila, dopo aver vinta la rassegna estiva del 2009 dedicata al teatro amatoriale, promossa dallo stesso teatro. E per finire, dopo i saggi della Scuola di teatro, chiuderà i battenti del Teatrino D’Arco con Nel nome del padre di Luigi Lunari il 18 e il 19 giugno per due rappresentazioni inserite nell’ambito del calendario degli spettacoli dell’Arlecchino d’oro 2010, organizzato dalla Fondazione Umberto Artioli-Mantova Capitale Europea dello Spettacolo.

gen

  • Unici premi per miglior testo e migliore realizzazione assegnati con referendum del pubblico.
  • Ti aspetto a teatro
  • Teatro Santa Teresa
    Verona
  • gennaio 2010
 
nov

Acc. Campogalliani

  • Quarto classificato premio del pubblico
  • 19º Festival Teatrale Internazionale “CASTELLO di GORIZIA 2009”
  • Teatro Kulturni Dom
    GORIZIA
  • novembre 2009
 
nov

Acc. Campogalliani

  • Premio speciale "Targa d’Argento" UILT
  • 19º Festival Teatrale Internazionale “CASTELLO di GORIZIA 2009”
  • Teatro Kulturni Dom
    GORIZIA
  • novembre 2009
 
giu

  • Miglior spettacolo
  • 2º Festival teatro amatoriale
  • Teatro Nuovo
    Milano
  • giugno 2009
 

Scherzi d’amore in salsa tragica

La Gazzetta di Mantova
lunedì 3 agosto 2009


Campogalliani pigliatutto a Milano


 

Trionfo dell’Accademia Teatrale Campogalliani alla seconda edizione del Festival del Teatro Amatoriale nello storico Teatro Nuovo di Milano. Anche quest’anno la compagnia mantovana è stata invitata, dopo un’accurata selezione di venti compagnie su tutto il territorio nazionale, a partecipare alla rassegna milanese con la commedia ’Scherzi d’amore in salsa tragica" di Anton Checov recentemente rappresentata al Festival del Teatro urbano e di strada - Arlecchino d’oro di Mantova. Lo spettacolo si compone di cinque brevi atti unici che l’autore stesso defini ’scherzi comici" che, nella sequenza riproposta dalla regista Maria Grazia Bettini, delineano l’iter della vita di coppia ricalcata ulteriormente dalla presenza sulla scena dell’autore e della moglie Olga Knipper, pure lei attrice. Il successo è stato decretato dalla giuria composta da professionisti del modo dello spettacolo (tra cui gli attori Liliana Feldman e l’autore Roberto Zago) assegnando il primo premio assoluto come miglior spettacolo, il primo premio come miglior spettacolo di prosa, il secondo premio per la regia a Maria Grazia Bettini, il secondo premio al miglior attore ad Andrea Flora ed infine il primo premio come migliore attrice a Serena Zerbetto. Si tratta di una conferma di vittoria in territorio meneghino in quanto anche lo scorso anno la Campogalliani con lo spettacolo ’Tre sull’altalena" vinse tre premi individuali: primo premio miglior attore a Diego Fusari e terzo premio ad Adolfo Vaini, terzo premio per la regia ad Aldo Signoretti. La vittoria del primo premio al miglior spettacolo del Festival comporterà di diritto l’inserimento della compagnia mantovana nella stagione teatrale professionistica del Teatro Nuovo, senza dubbio uno dei più ambiti e prestigiosi riconoscimenti ottenuti in sessantatré anni di ininterrotta attività teatrale. Che ha come cuore, memoria e laboratorio il piccolo teatrino d’Arco.

ott

Aldo Signoretti

  • Miglior regia
  • 6º FESTIVAL NAZIONALE D’ARTE DRAMMATICA
  • Teatro comunale Cavour
    IMPERIA
  • ottobre 2008
 
ott

Francesca Caprari

  • Miglior attrice
  • 6º FESTIVAL NAZIONALE D’ARTE DRAMMATICA
  • Teatro comunale Cavour
    IMPERIA
  • ottobre 2008
 
set

Acc. Campogalliani

  • Primo premio "L’Arlecchino" Miglior spettacolo
  • 61º FESTIVAL NAZIONALE D’ARTE DRAMMATICA
  • Teatro Sperimentale
    PESARO
  • settembre 2008
 
set

Luigi Lunari

  • Primo premio miglior testo autori viventi
  • 61º FESTIVAL NAZIONALE D’ARTE DRAMMATICA
  • Teatro Sperimentale
    PESARO
  • settembre 2008
 
set

Acc. Campogalliani

  • Premio miglior spettacolo con valenza etica giuria studenti
  • 61º FESTIVAL NAZIONALE D’ARTE DRAMMATICA
  • Teatro Sperimentale
    PESARO
  • settembre 2008
 
set

Aldo Signoretti

  • Miglior regia
  • 61º FESTIVAL NAZIONALE D’ARTE DRAMMATICA
  • Teatro Sperimentale
    PESARO
  • settembre 2008
 
lug

Diego Fusari

  • 1º premio miglior attore
  • FESTIVAL DEL TEATRO AMATORIALE
  • Teatro Nuovo
    Milano
  • luglio 2008
 

Tre sull’altalena (1993)

...

lug

Adolfo Vaini

  • 3º premio miglior attore
  • FESTIVAL DEL TEATRO AMATORIALE
  • Teatro Nuovo
    Milano
  • luglio 2008
 

Tre sull’altalena (1993)

...

lug

Aldo Signoretti

  • 3º premio miglior regista
  • FESTIVAL DEL TEATRO AMATORIALE
  • Teatro Nuovo
    Milano
  • luglio 2008
 

Tre sull’altalena (1993)

...

lug

Accademia Teatrale Francesco Campogalliani

  • Premio Regione Lombardia
  • FESTIVAL DEL TEATRO AMATORIALE
  • Teatro Nuovo
    Milano
  • luglio 2008
 

Tre sull’altalena (1993)

...

mag

Aldo Signoretti

  • Miglior regia
  • Premio Totola
  • Teatro Camploy
    Verona
  • maggio 2007
 
mag

Aldo Signoretti

  • Miglior allestimento
  • Premio Totola
  • Teatro Camploy
    Verona
  • maggio 2007
 
mag

Francesca Caprari

  • Miglior attrice
  • Premio Totola
  • Teatro Camploy
    Verona
  • maggio 2007
 
mag

Claudio Soldà

  • Miglior attore
  • Premio Totola
  • Teatro Camploy
    Verona
  • maggio 2007
 
apr

  • Miglior spettacolo
  • 5º FESTIVAL NAZIONALE D’ARTE DRAMMATICA
  • Teatro comunale Cavour
    IMPERIA
  • aprile 2007
 

Scherzi d’amore in salsa tragica

...

feb

Acc. Campogalliani

  • Miglior spettacolo decretato dal referendum del pubblico
  • 19º Rassegna “MASCHERA D’ORO”
  • Teatro S.Marco
    VICENZA
  • febbraio 2007
 
feb

Aldo Signoretti

  • Miglior regia
  • 19º Rassegna “MASCHERA D’ORO”
  • Teatro S.Marco
    VICENZA
  • febbraio 2007
 
feb

Francesca Caprari

  • Miglior attrice
  • 19º Rassegna “MASCHERA D’ORO”
  • Teatro S.Marco
    VICENZA
  • febbraio 2007
 
feb

Claudio Soldà

  • Miglior attore
  • 19º Rassegna “MASCHERA D’ORO”
  • Teatro S.Marco
    VICENZA
  • febbraio 2007
 
dic

Acc. Campogalliani

  • Miglior spettacolo referendum del pubblico
  • RASSEGNA NAZIONALE UILT “Teatro delle Regioni”
  • Teatro Cristallo
    BOLZANO
  • dicembre 2006
 

Chi da nualtar la taca miga!

...

nov

Acc. Campogalliani

  • Miglior spettacolo decretato dal referendum del pubblico
  • Rassegna PERUGINI
  • Teatro Lauro Rossi
    Macerata
  • novembre 2006
 
nov

Aldo Signoretti

  • Miglior regia
  • Rassegna PERUGINI
  • Teatro Lauro Rossi
    Macerata
  • novembre 2006
 
nov

Francesca Caprari

  • Miglior attrice
  • Rassegna PERUGINI
  • Teatro Lauro Rossi
    Macerata
  • novembre 2006
 
ott

  • Miglior spettacolo classico
  • 61º FESTIVAL NAZIONALE D’ARTE DRAMMATICA
  • Teatro Rossini
    PESARO
  • ottobre 2006
 

Scherzi d’amore in salsa tragica

...

ott

Acc. Campogalliani

  • Miglior spettacolo Coppa "Nave Teatro"
  • Rassegna “NAVE TEATRO”
  • Teatro S. Costanzo
    NAVE di BRESCIA
  • ottobre 2006
 
ott

Aldo Signoretti

  • Miglior regia
  • Rassegna “NAVE TEATRO”
  • Teatro S. Costanzo
    NAVE di BRESCIA
  • ottobre 2006
 
ott

Francesca Caprari

  • Miglior attrice
  • Rassegna “NAVE TEATRO”
  • Teatro S. Costanzo
    NAVE di BRESCIA
  • ottobre 2006
 
ott

Miglior attore

  • Miglior attore
  • Rassegna “NAVE TEATRO”
  • Teatro S. Costanzo
    NAVE di BRESCIA
  • ottobre 2006
 
mar

Acc. Campogalliani

  • Miglior spettacolo premio "Sipario d’oro"
  • Rassegna SIPARIO D’ORO
  • Teatro alla Cartiera
    ROVERETO
  • marzo 2006